my.pages » La verità sul fenomeno pirata

my.pages » La verità sul fenomeno pirata.

 

E allora entriamo nei dettagli, visto che l’unica informazione corretta nell’articolo di Federico Mello è l’intenzione dei Pirati di legalizzare le droghe in modo che gli utenti e dipendenti le comprino in farmacia piuttosto che al mercato nero, e in questo ricevano droghe di qualità sicura accompagnate da consulenza professionale. Tanto è inutile tentare di vietarglielo. In Portogallo questa politica ha portato ad una forte riduzione del consumo.

Anche i Pirati rifiutano i delegati, non hanno aspettato che arrivasse Beppe Grillo a dirglielo — anzi, hanno iniziato prima loro. Non a caso alla fondazione del MoVimento c’era come ospite d’onore il fondatore dei Pirati. I delegati esistono solo in forma virtuale nel Liquid Feedback, uno strumento democratico che realizza un parlamento legislativo virtuale via Internet con un geniale compromesso tra l’irrealizzabile democrazia diretta perfetta e la democrazia rappresentativa, senza mai perdere il controllo del proprio voto.

“La ricetta di questo boom è semplice.” Ma veramente, Federico? Pensi di avere capito la magia pirata? Potresti essere di grande aiuto a tutti i spin doctors tedeschi che si stanno strappando gli ultimi capelli in testa a causa di questo fenomeno pirata. La ricetta per arrivare al 13% dei consensi non è mai semplice.

Il Piratenpartei ha programmi politici a palate. In quasi ogni regione e specialmente a livello federale. Trattano spesso dei valori core del movimento — i diritti civili, la trasparenza, la partecipazione politica. Ma anche dell’educazione, l’ambiente, la giustizia, l’equalità dei generi, i diritti dei migranti, la riforma dei diritti d’autore necessaria per fermare la criminalizzazione di tutta una generazione e la sana applicazione delle tecnologie che i politicanti tradizionali non comprendono o non vogliono comprendere.

Mentre l’economia aspetta ancora che i Piraten si decidano tra una ventina di proposte sviluppate in Liquid Feedback, ci sono proposte visionarie sul lavoro e il sistema sociale col potenziale di creare un mondo migliore per tutti, dovessero riuscire — per ora in Germania, ma il virus pirata nei pochi mesi dal successo di Berlino ha già conquistato seggi in Austria e Spagna.

Passiamo oltre i “Pirataten.” Presumo si tratti di “Piraten” che hanno mangiato troppe pataten. Arriviamo ai “trasporti pubblici per gli studenti” che già esistono nella maggioranza delle regioni. La traduzione corretta sarebbe che i Piraten propongono la flatrate ai trasporti pubblici per incentivarne l’uso. A Berlino i biglietti del bus costano 2 euro e 10 e nonostante l’alto prezzo il comune finanzia il 60% dei trasporti pubblici. Un cambiamento di strategia potrebbe ridurre drammaticamente l’uso delle automobili.

Arriviamo al “salario minimo universale.” Qui si vede che ha fallito Google Translate, perchè il reddito di cittadinanza non è un salario. Comunque i Pirati stanno solo chiedendo che il governo faccia dei seri tentativi a calcolarne la fattibilità, visto che modelli credibili esistono. Intanto gli altri partiti proclamano la infinanziabilità a priori, senza neanche leggere quattro righe in merito.

“L’antipatia di molti artisti (favorevoli al copyright)” da dove proviene, da un comunicato stampa dell’industria fonografica? C’è più disponibilità alla riforma del copyright in realtà. Gli artisti ai quali conviene l’attuale legislazione, sono il 2%.

Il bello della programmatica pirata è che è stata scritta in modo orizzontale da migliaia di semplici membri di partito. Le facce in TV e nei parlamenti sono solo esecutori dell’incarico. Questa potrebbe essere la novità che sta elettrizzando il popolo tedesco.

Concludiamo il discorso con la “formazione a stragrande maggioranza maschile” come tutti gli altri partiti. Una quota del 15% di femmine è abbastanza normale — almeno pare che siano 15% alle assemblee. Quante siano in totale i Piraten non lo sanno perchè secondo il principio di parsimonia dei dati raccolti nel modulo d’iscrizione non chiedono il genere o sesso del nuovo Pirata.

Spero di avere reso l’idea che il movimento pirata è molto ma molto da prendere sul serio ed è meglio informarsi direttamente che via i media che copiano da chi già non ha capito niente.

—lynX

 

Tag:, , , , ,

About P33r

(r34tiv3 computer pirate

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Prismi - Pensieri filosofici

Il sito di chi vuole pensare

Yanis Varoufakis

thoughts for the post-2008 world

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

TechCrunch

Startup and Technology News

R H I Z O M A T I C A

Mobile Communications for All

The Cryptosphere

Short and sweet cyber and crypto news for the whole family!

Barbara Collevecchio

Psicoanalisi & politica

#DigiTsipras

Progetto digitale a supporto della Lista "L'Altra Europa con Tsipras"

Stop TTIP Italia

Fermiamo il trattato di liberalizzazione UE-USA

hidden66

"Pensieri disordinati di un uomo mediamente comune..."

Partito Pirata Italiano Ferrara

Non votate per noi, Votate per voi: Non votate un leader, un gerarca, un presidente, un segretario, un onorevole, un deputato. Votate voi stessi.

Become ★your ★media

DON'T HATE THE MEDIA. BECOME YOUR MEDIA

WordPress.com VIP

Enterprise WordPress Hosting, Support, and Services

TIME

Current & Breaking News | National & World Updates

slowforward

entropia gratis

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: