Pirati in MoVimento: lettera (di addio) alla Seconda Repubblica

http://pix.dyne.org/wp-content/uploads/2011/08/UrBrain.jpeg

Vi chiediamo di arrendervi e senza condizioni.

Lo chiediamo a voi, signore e signori della Seconda Repubblica italiana.
A voi che ci avete portato al collasso economico, a voi che avete contribuito ad allargare le piaghe prodotte dalla crisi di questo sistema globalizzato di cui fate parte.
Chiediamo a questa classe dirigente, di centrodestra e di centrosinistra (entrambi gli schieramenti hanno governato, secondo il loro principio dell’alternanza, negli ultimi venti anni), di farsi da parte e di cedere il passo alle donne e agli uomini che, non avendo più rappresentanza politica da moltissimi anni, hanno deciso di organizzarsi secondo il concetto di ‘democrazia liquida’.

La vostra scomparsa è necessaria oltre che doverosa.

Con voi intendiamo seppellire l’idea fallita di democrazia rappresentativa. In questi lunghi anni, in tutte le campagne elettorali, ci avete promesso tutti lavoro, progresso, prospettive di felicità individuali e collettive secondo ricette diverse, tutte disattese alla prova dei vostri malgoverni. Ci avete precarizzato il mondo del lavoro, ci avete gradualmente impoverito tutti, dagli studenti ai lavoratori, dai professionisti agli imprenditori, avete spessissimo saccheggiato le nostre amministrazioni, avete fatto cattivo uso del denaro pubblico, non avete saputo far altro che somministrarci palliativi per ‘tenerci buoni’.

Avete fatto della cosa pubblica un affare privato! Non avete saputo combattere le criminalità organizzate che, a parte qualche arresto di spicco, continuano a prosperare rigogliose su ogni territorio anche grazie alla vostra indolenza, non di rado grazie alla vostra complicità. I vostri silenzi, le vostre connivenze hanno portato a morire uomini generosi e valorosi che avete lasciato soli, vi accusiamo anche di questo.

Cresce la povertà in tutt’Italia e con essa cresce la disperazione di tutte quelle generazioni che avete spedito al macello sociale: avete costretto a preferire il lavoro nero ai contrattini che avete ideato a partire dal 1997 per truffare intere nuove generazioni (sottoretribuendole e rendendole ricattabili) , e nel frattempo, attraverso dieci riforme previdenziali, ci avete sottratto anche il diritto alla pensione. Avete cioè messo in conto di abbandonarci quando saremo così vecchi da non poterci più difendere e ribellare.

Ci avete perennemente chiesto sacrifici senza restituire un solo euro al paese.
La vostra colpa più grande non è certo lo stipendio d’oro che vi siete assegnati: sappiate che la decurtazione di quel denaro che intascate non ci basta perchè vogliamo dimissionarvi.
Abbiamo abbastanza consapevolezza per comprendere che i più grandi sprechi sono rappresentati dal modo con cui avete malgestito le nostre risorse e ridotto il sistema sanitario pubblico amministrato dai manager nominati dalle vostre cordate. Tutti gli scandali sanitari di questi anni sono addebitabili a voi, così come sono addebitabili a voi tutti i ritardi, le carenze, le manomissioni delle nostre infrastrutture e dei nostri trasporti.

Avete provato a ‘confonderci’ scaricandovi reciprocamente le responsabilità utilizzando le televisioni come palcoscenici per i vostri insopportabili show. Ma noi sappiamo che siete solo facce diverse della stessa medaglia.

Il gioco è finito.

Con il peso enorme di questa crisi sono in via di esaurimento tutte quelle risorse che avete utilizzato in questi anni per ‘comprare’ la disperazione di uomini e donne a ridosso delle varie campagne elettorali.
Non abboccheremo.
Sappiamo bene che vi state imbellettando, che nuovi travestimenti sono in atto, sappiamo che appronterete nuove alchimie per conservare il potere, l’unica cosa per la quale avete sempre nutrito costante interesse.
Proprio il potere e la sua conservazione è l’unico fine su cui avete dimostrato lungimiranza e capacità.

Non ci aspettiamo niente di buono dalle vostre leggi elettorali, sappiamo che, comunque vada, avranno lo scopo di eleggere vostri ‘amici’. Sappiamo che proverete ad imbrogliare ancora una volta i giovani con il finto ricambio generazionale che tenterete di somministrarci. Siamo coscienti del fatto che quelli sono ‘giovani di allevamento’, cresciuti nei vostri vivai e avvezzi a quel modo di intendere il potere.

I vostri partiti sono luoghi inaccessibili perchè luoghi di conservazione. Vigono leggi di cameratismo conosciute benissimo da chiunque abbia provato a frequentarvi. Reggete i vostri precari equilibri (sì, precari anche quelli) sulla parcellizzazione di incarichi, nomine, ruoli nell’ampio bosco del ‘sottogoverno’. Siete tutti compromessi con un sistema che non potete far saltare poichè in simbiosi con esso.
Promettete un cambiamento che non potete e non volete realizzare.

Siete soliti etichettare queste denunce, assieme ai vostri apparati informativi, come ‘antipolitica’.

Noi invece ambiamo ad essere la quintessenza della Politica.
La nostra intelligenza collettiva è il motore che sta avviando la produzione di tutte le idee che serviranno al Paese, efficaci soprattutto perchè tenute insieme solo dall’interesse comune, interesse che avete sempre sacrificato tutte le volte che c’erano da salvare i vostri bilanci, le vostre banche, i vostri amici signori della finanza.
Abbiamo compreso che non è entrata in crisi l’idea di Democrazia, ma la pallida rappresentazione che avete dato di essa. La nostra Democrazia Liquida è il modo in cui si realizza, oggi, il valore della Democrazia.
La Rete è lo strumento che ci permette di realizzarla assieme ad uomini e donne di altri paesi del Pianeta.

Siamo Pirati, sì.
Ci avete emarginato ed esautorato di ogni scelta, ci costringete coercitivamente ad obbedire alle vostre scellerate leggi, utilizzate il Controllo sociale per reprimerci, ed iniziate a toglierci anche le nostre case solo perchè un numero sempre crescente di noi non riesce a pagare i debiti che contraiamo a causa dei nostri salari insufficienti.
Dentro questa crisi siete finanche riusciti a mettervi d’accordo per sostenere il Governo di un uomo dei ‘Potenti’ che continua a chiedere sacrifici ad un paese martoriato senza riuscire a ripianare questo ‘famigerato debito pubblico’ che solo voi avete generato.

Ora vi chiediamo il conto.

Facciamo e faremo della Trasparenza la nostra ricchezza. Vi sfidiamo alla luce del sole. Costruiremo le nostre proposte, nei minimi dettagli, con l’aiuto delle persone che si stanno unendo a noi perchè consapevoli che qui contano davvero. Una testa, un voto e per sempre. Non esistono e non esisteranno più deleghe in bianco.
La nostra principale arma si chiama Liquid Feedback e la useremo come un cannone contro di voi. E’ una piattaforma di e-democracy e vi consigliamo di incominciare a prenderne coscienza. Attraverso essa già migliaia di persone in Europa propongono leggi, regole, iniziative e votano dentro le nostre Assemblee Permanenti.

Issue, policy, metodo Schulze sono espressioni che vi spareremo addosso.
Non crediamo che siate nelle condizioni di scandalizzarvi per un frasario che può apparirvi violento.
Voi ipocriti avete sostenuto tutte le missioni belliche di questi anni, lo avete fatto sia come centrosinistra sia come centrodestra. Voi, signori di governi ‘democraticamente autoritari’, avete osato sostenere che le vostre guerre erano necessarie per destituire governi dittatoriali quando tutti noi sappiamo qual è la verità sul tornaconto economico per il controllo del petrolio e per l’esercizio di potere geopolitico.
La vostra sudditanza nei confronti del Governo Usa contraddice l’idea di Europa che molti di voi professano.

Siamo pacifisti e ripudiamo la guerra in tutte le sue forme ma, come sancisce la nostra Costituzione (da voi tradita in ogni suo aspetto), siamo pronti a difenderci.

Lo faremo con le armi della cultura e della conoscenza.
In questi anni avete ben capito quanto possano essere potenti proprio quest’ultime e avete avviato una battaglia per restringere il diritto allo studio dei nostri ragazzi ed indebolirne gradualmente la formazione. Spesso ci fate pagare caro, con inique tasse universitarie, una formazione non all’altezza delle sfide per il futuro. Proprio le intelligenze che voi non avete saputo impegnare in questi anni, costringendole spesso all’emigrazione, rappresenteranno per noi una risorsa imprescindibile, vitale. Giovani e giovanissimi in tutta Europa (così come in altre parti del Pianeta) si apprestano, generosamente, a mettere a disposizione di questo progetto collettivo le straordinarie capacità che voi avete sprecato. Per tenerci sotto controllo, avete tentato di inculcare l’idea di competizione nel tentativo di indebolire la forza che deriva dalla cooperazione. Noi porremo in rete l’intelligenza del nostro pianeta e ne faremo ricchezza collettiva attraverso la cooperazione e la condivisione dei saperi.

Uniremo le migliori esperienze delle vecchie generazioni alla prolificità estrosa delle nuove traendo da questa sinergia un elemento di forza dirompente.

Non provate ad arrestarci, non provate a criminalizzare il Movimento Internazionale Pirata. Siamo coscienti di ledere letalmente il vostro potere, ma lo faremo con gli strumenti della Democrazia, con la libera circolazione di informazioni e di idee. . Avete provato ad attaccare le nostre libertà digitali con ‘Acta’, ma con il nostro attivismo politico in Rete abbiamo di fatto affondato quel trattato liberticida e con esso il vostro goffo tentativo di istituire una gendarmeria per controllare Internet e i suoi contenuti e difendere gli interessi delle lobby industriali e farmaceutiche. Vi abbiamo sconfitto.

Sappiamo benissimo che voi parlamentari e burocrati del governo italiano siete spesso solo marionette nelle mani di questi poteri. Per questo abbiamo bisogno di eleggere nostri portavoce in quei consessi per proclamare definitivamente la fine delle ingiustizie in nome del profitto: fatevi da parte.

Noi tutti proveniamo da storie diverse, da movimenti eterogenei, abbiamo percorso binari paralleli.
Ci ritroviamo, in Rete, confidando nella Democrazia Liquida dove uno vale uno e dove siamo tutti portavoce del Partito Pirata; non abbiamo dirigenti ma facilitatori che svolgono funzioni specifiche in perenne contatto con l’intera comunità; i nostri futuri ‘eletti’ saranno messaggeri delle nostre articolate proposte .

Non siamo un movimento di contestazione, siamo invece un movimento di proposta e di liberazione.

Sappiamo cosa non vogliamo: voi, il vostro sistema fallimentare, i vostri orrori. Sappiamo cosa vogliamo: una politica distributiva equa, un mondo sano, l’affermazione del diritto alla felicità, la cessazione dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo. Intendiamo realizzare i nostri desideri, i nostri sogni!

‘Antipolitica’ è l’ultima parola che avete coniato per alzare un muro fra voi e chi vi critica in maniera netta e inequivocabile affidando al termine la funzione di separare voi, presunti professionisti della politica che vivono di questa, e noi, che abbiamo bisogno come il pane di Buona Politica.

Nessuno dei vostri leader ci rappresenta, nessuno. Non affidiamo più a nessun singolo le speranze per la costruzione di Futuro. Mai più ‘un solo uomo al comando’. I Pirati ripudiano l’idea del leader, ripudiamo cioè l’idea che possa esistere un ‘principe illuminato’ che, da solo, cambi il mondo. Solo avanzando tutti insieme, orizzontalmente, potremo raggiungere i nostri scopi, senza lasciare nessuno indietro. La rete e le nuove tecnologie ci regalano questa opportunità, assolutamente inedita nella storia dell’umanità. Noi intendiamo coglierla nella sua essenza.

Chiunque intenda partecipare alla trasformazione della nostra società per costruire la Terza Repubblica italiana nella quale si pone al centro i diritti degli uomini e delle donne secondo il percorso che individueremo collettivamente, è benvenuto a bordo dei vascelli pirata.

Tutte e tutti sono ben accetti purchè provvisti di buona volontà. Chiediamo a tutti coloro i quali, in buona fede, tentano o hanno tentato di riformare i vecchi partiti della seconda repubblica, di abbandonare l’idea di spegnere l’incendio che ha già bruciato la casa.
Cos’altro si può ‘provare’ per prendere definitivamente atto dell’inettitudine di questa classe dirigente incapace e corrotta che, in alternanza, ha governato ininterrottamente dal 1993 ad oggi?
Quanti altri fallimenti dobbiamo ancora attendere per verificare che l’intero sistema è da correggere nelle sue radici?

Un monito: sconsigliamo vivamente l’ingresso a quei politici che hanno bisogno di reciclarsi, o a chiunque cerchi spazio politico per fare ‘carriera’! A costoro diciamo: state lontano da noi, la luce dell’intelligenza collettiva saprà individuarvi, non avete opportunità da cogliere. Sapremo guardarci da chi cercherà di manipolare il Movimento. E’ già accaduto in altre occasioni recenti e meno recenti della storia repubblicana. Sapremo far tesoro di quelle esperienze.

Chiediamo, invece, soprattutto ai giovani dei vecchi partiti, ai tanti giovani che hanno vissuto o che vivono la militanza o la partecipazione politica in maniera sana, di abbandonare l’idea che quei luoghi, ricettacolo di interessi privati e personali, possano essere riformati.
Ai giovani dei partiti gridiamo: vi hanno confinato per decenni nelle giovanili di partito senza farvi entrare nel merito di nessuna decisione davvero rilevante! Hanno confinato i vostri diritti in un angolo! Hanno relegato le vostre rimostranze in piccoli trafiletti di programma di partito col titolo “politiche giovanili” mentre nel frattempo vi rubavano il futuro!

A loro diciamo: unitevi a noi.

Alle volte le brutture quotidiane lasciano presagire la fine della storia, ma noi sappiamo che le energie positive rappresentano la maggioranza del Paese. Abbiamo bisogno delle donne e degli uomini migliori: vi chiediamo apertamente di salire a bordo e di arricchire con le vostre competenze e le vostre passioni la nostra Assemblea Permanente per mezzo della nostra piattaforma Liquid Feedback.
Insieme, in rete, possiamo costruire il miglior programma possibile per le nostre città, l’Italia, l’Europa, l’intero Pianeta Terra.

Insieme possiamo declinare l’idea di Bellezza.

Sappiamo che il carattere internazionale del Partito Pirata è una delle nostre forze perchè siamo coscienti che per cambiare davvero localmente occorre agire globalmente. I movimenti di protesta planetari hanno contribuito ad affinare le nostre intelligenze, le nostre capacità di analisi. E’ giunto il momento di porre fattivamente le nostre generose energie a disposizione di tutte e tutti. Grandi sono le nostre ambizioni, enormi le nostre aspettative, intelligente è la nostra consapevolezza di essere dei pionieri della Nuova Politica.

Sappiamo però di non avere più tempo.
Dobbiamo riprogrammare il Futuro che ci avete cancellato.
Lo faremo assieme ai molti Pirati che già si annidano in ogni dove e che chiamiamo all’adunata!

All’arrembaggio! Stiamo arrivando….

Dal Mar Mediterraneo, Pianeta Terra.

Partito Pirata Italiano

Tag:,

About P33r

(r34tiv3 computer pirate

2 responses to “Pirati in MoVimento: lettera (di addio) alla Seconda Repubblica”

  1. wrebeldia says :

    Reblogged this on W Rebeldia and commented:
    Affascinante e pieno di ottime prospettive. Consiglio vivamente la lettura di questo documento che definirei il Manifesto del partito Pirata Italiano.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Prismi - Pensieri filosofici

Il sito di chi vuole pensare

Yanis Varoufakis

thoughts for the post-2008 world

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

TechCrunch

Startup and Technology News

R H I Z O M A T I C A

Mobile Communications for All

The Cryptosphere

Short and sweet cyber and crypto news for the whole family!

Barbara Collevecchio

Psicoanalisi & politica

#DigiTsipras

Progetto digitale a supporto della Lista "L'Altra Europa con Tsipras"

Stop TTIP Italia

Fermiamo il trattato di liberalizzazione UE-USA

hidden66

"Pensieri disordinati di un uomo mediamente comune..."

Partito Pirata Italiano Ferrara

Non votate per noi, Votate per voi: Non votate un leader, un gerarca, un presidente, un segretario, un onorevole, un deputato. Votate voi stessi.

Become ★your ★media

DON'T HATE THE MEDIA. BECOME YOUR MEDIA

WordPress.com VIP

Enterprise WordPress Hosting, Support, and Services

TIME

Current & Breaking News | National & World Updates

slowforward

entropia gratis

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: