Roma 8 arresti: liberi tutti! Ci siamo rimessi in marcia e non ci fermeremo – dalla Sapienza occupata sul #14N

da UNICOMMON, studenti e studentesse de La Sapienza, il comunicato:

Comunicato stampa sulle cariche della polizia e i manifestanti arrestati. 14 Novembre 2012, Sciopero generale europeo a Roma.Oggi a Roma oltre cinquantamila studenti e studentesse delle scuole superiori, delle università e precari della scuola hanno invaso le strade partendo dalla Sapienza, da Castro Pretorio, da piazzale Ostiense e da altri punti della città per contestare le politiche di austerity del Governo Monti imposte dalla BCE. Nella giornata dello sciopero europeo tutte le figure atipiche, gli studenti, i disoccupati e gli sfruttati hanno manifestato un’alternativa al Governo della Troika, rivendicando diritti, libertà, lavoro e un futuro degno.
Il corteo aveva pubblicamente dichiarato la ferma volontà di portare la propria voce sotto i palazzi del potere che da troppo tempo ormai sono protetti da zone rosse inaccessibili al dissenso . Decine di migliaia di giovani hanno attraversato le vie del centro invadendo il lungotevere, aggirando i blocchi imposti da uno schieramento di forze dell’ordine senza precedenti, cercando di conquistare il proprio percorso metro dopo metro, mettendo in gioco, con determinazione, i propri corpi.

Per chi non sostiene l’austerity imposta dalla finanza cala la notte sui diritti, e la polizia torna a dare libero sfogo alla sua violenza. Insopportabilmente pesante, per la brutalità dei pestaggi, ma ancora di più per 13 persone: giovanissimi, arrestati e tradotti a Regina Coeli e a Rebibbia con accuse folli. Parliamo della polizia degli affari mafiosi di Izzo, di Manganelli, della gratitudine di Stato a chi massacra inermi cittadini che osano esercitare i loro diritti.

Fa sorridere leggere i titoli dei giornali oggi pomeriggio: molti utilizzano espressioni come “guerriglia” e “violenza che ha oscurato le ragion della protesta”. La realtà è ben diversa. Come si vede chiaramente in tutti i video pubblicati dagli stessi quotidiani, la polizia ha caricato il Book Block con una violenza senza precedenti, attaccando la testa del corteo. Contemporaneamente le forze dell’ordine hanno spezzato il corteo in più punti, chiudendo le vie di fuga e dando vita ad una vera e propria caccia all’uomo, proseguita per ore nel centro di Roma.

Una gestione dell’ordine pubblico di questo tipo ricorda il Sudamerica dei peggiori anni. Inseguire studenti giovanissimi, mettere in pratica dei sistematici pestaggi a terra, lanciare le camionette in corsa contro una manifestazione sono degli atti di una violenza inaudita, contro cui difendersi o provare resistere è inevitabile e legittimo. Chiediamo che questa volta i partiti, i sindacati, le associazioni prendano davvero posizione e dichiarino inaccettabili le violenze che la polizia ha perpetrato nelle strade di Roma.

Il Governo Monti – dei tecnici, ma anche della Santa Alleanza Alfano Bersani Casini – in questi giorni sta mostrando il suo vero volto, un’espressione fatta di rifiuto del dissenso e brutalità per le strade. Un Governo che non sopporta la voce dissenziente dei giovani. Ma tutti questi giovani, in centinaia di migliaia oggi per la prima volta in tutta Europa, si sono riversati per le strade per fermare la corsa verso l’austerity, la precarizzazione e la dittatura della finanza.

Rilanciamo per questo un appuntamento di mobilitazione per domani alle 10, con conferenza stampa alle 12, nella facoltà di Lettere e vi preannunciamo sin da subito che nei prossimi giorni scenderemo di nuovo in piazza. Noi, a differenza di chi si fa scudo di migliaia di agenti, non abbiamo alcuna paura.

Ci siamo rimessi in marcia, e non ci fermeremo!
Liberi tutte e tutti subito!

Studenti e studentesse della Sapienza

//////////////

 

REPORT del #14NRISE-UP  da infoaut

ARTICOLO BLOGOSFERE:

Studenti in piazza 14 novembre: da Roma a Praga, è sommossa europea

 

Tutti in piazza, per dire no alle ricette di austerità volute dai governi. Lavoratori, cittadini e studenti, uniti in giro per l’Europa per contestare. Si parte dalla scuola, ma non solo. Il malcontento di studenti e docenti si fa totale. E si unisce a quello dei precari, disoccupati e così via, Si contesta e molto: si richiede diritto all’istruzione, ad avere una formazione libera e una crescita professionale seria e consultabile. I comitati studenteschi, nella protesta, sono stati seguiti anche dalla Cgil: uno sciopero generale di portata europea, in cui le piazze di Roma, Stoccolma, Atene, Madrid, Lisbona, ma anche Bucarest e Praga. Una catena di proteste.
da CADOINPIEDI:

#14riseup – Manganellate in faccia a un manifestante – video

Immagini che lasciano senza parole (e che YOUTUBE ha RIMOSSO. #VERGOGNA):

#14NRISE-UP from al3lilo on Vimeo.

 

 

Le forze dell’ordine hanno trascinato un manifestante e un celerino lo ha colpito diverse volte con violenza sul volto. Guardando questo video girato oggi a Roma, durante la protesta di giovani e studenti, ci viene solo una parola: PERCHE’?

 

gia’, PERCHE’?

 

da Sandro Medici

“Studenti aggrediti e rastrellati, il governo rimuova il questore di Roma”

“Quella che era cominciata come una grande ed entusiasmante manifestazione studentesca si è trasformata in una vera e propria caccia all’uomo, con una settantina di studenti e cittadini fermati, una rappresaglia tuttora in corso nelle strade di

Trastevere, sul Lungotevere, il Portico d’Ottavia; e tutto ciò per la premeditata scelta della Questura di Roma di far salire il livello del conflitto”. Così Sandro Medici, presidente del X Municipio e candidato a sindaco di Roma alle prossime elezioni.
“Delle due, l’una – aggiunge Medici – o siamo di fronte a un allarmante dilettantismo oppure c’è chi sciaguratamente intende far crescere la tensione sociale: in entrambi i casi, la responsabilità di quanto accaduto è da attribuire alla Questura di Roma e a chi la dirige, che con tutta evidenza si dimostra inadatto, se non incapace, di fare il suo mestiere; e se ci fosse un governo democratico e intelligente, di fronte a quanto sta succedendo, dovrebbe semplicemente rimuoverlo”.
“Contro ragazze e ragazzi che si battono per una scuola migliore, per il loro futuro e il nostro presente – continua Medici – non si può rispondere con i lacrimogeni e i manganelli; né si può giustificare una reazione così violenta solo perché qualcuno dal corteo ha stupidamente fischiato contro la sinagoga”.
“Tra i fermati e gli arrestati ci sono anche gli artisti del Teatro Valle e del Cinema Palazzo, oltre a diversi cittadini rastrellati a caso, a dimostrazione dell’arbitrarietà con cui le forze di polizia hanno agito – conclude Medici – sarebbe il caso che vengano subito rilasciati tutti i fermati, per non aggravare ulteriormente una situazione che è stata intenzionalmente creata e che potrebbe ulteriormente degenerare; sempre ammesso che qualcuno, a Palazzo Chigi o al Viminale, sia in grado di controllare questo furore muscolare, questo feroce zelo questurino”.
///////////////////
attendiamo le considerazioni dalla conferenza stampa alla Facolta’ di Lettere a La Sapienza.
IN DIRETTA ORA DA RADIO ONDA ROSSA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tag:, , ,

About P33r

(r34tiv3 computer pirate

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Prismi - Pensieri filosofici

Il sito di chi vuole pensare

Yanis Varoufakis

thoughts for the post-2008 world

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

TechCrunch

Startup and Technology News

R H I Z O M A T I C A

Mobile Communications for All

The Cryptosphere

Short and sweet cyber and crypto news for the whole family!

Barbara Collevecchio

Psicoanalisi & politica

#DigiTsipras

Progetto digitale a supporto della Lista "L'Altra Europa con Tsipras"

Stop TTIP Italia

Fermiamo il trattato di liberalizzazione UE-USA

hidden66

"Pensieri disordinati di un uomo mediamente comune..."

Partito Pirata Italiano Ferrara

Non votate per noi, Votate per voi: Non votate un leader, un gerarca, un presidente, un segretario, un onorevole, un deputato. Votate voi stessi.

Become ★your ★media

DON'T HATE THE MEDIA. BECOME YOUR MEDIA

WordPress.com VIP

Enterprise WordPress Hosting, Support, and Services

TIME

Current & Breaking News | National & World Updates

slowforward

entropia gratis

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: