Archive | hacked art RSS for this section

13.02.15 Secret Masked Party call4all

Colgo l’occasione x invitarti al secret party:
=====>   Secret Masked Party / venerdi 13 febbraio 2015   <=====

Secret location …possiamo solo dirvi che sara’ un Club all’interno di uno dei Teatri + belli di Roma.

L’ Irregolarità, la difformità dalla regola generale, l’esigenza di uscire dalla monotonia del clubbing,

dalle solite feste,  il desiderio di offrire un esperienza unica ed etilica a tutti gli invitati.

In una cornice diversa dal solito, anomala e soprattutto… SEGRETA.

Immersi in un scenario immaginario, dove lo spazio fisico e rappresentativo lascera’ posto a un vero e proprio Club Techno.

Vi stupiremo e stupirete con la vostra interattivita’ all’evento, indosserete se lo vorrete, la maschera “Tracotantia”

Prenotate sin da ora il vostro braccialetto.  

==> Il teatro che diventa club <===
mandatemi un sms al 333 61.43.962 o 340 70.48.642

Open Bar tutta la Notte, &&

∆NOM∆LI∆ =>  Techno // Drum & Bass // Dub

Short Bio : ITA
MARK BHUT

È uno dei grandi pionieri della musica techno in Italia, definito anche uno dei padri putativi della prima scena della musica trance embrionale primi anni novanta, e della techno importata direttamente dalla Germania.

La Germania e’ da anni il paese europeo in cui si concentrano la maggior parte di musica elettronica e artisti di tutto il mondo che cercano, provano, trovano musica in terra tedesca.

Attingo da sempre li’, dalle prime influenze negli anni 90 condividendo da varie generazioni consolle con artisti di calibro mondiale.

Per citarne alcuni, dalle prime sonorità techno Sven Väth, in club come L’ Omen di Francoforte, Tresor, insieme ai primi mega party come il Tribal Gathering.

Fino ai giorni nostri l’ evoluzione continua con la musica sempre nell’anima.

Il suo profilo si arricchisce grazie all’ esperienza acquisita suonando accanto a dj del calibro di Dj Dag, Mark Spoon, Dr Motte (fondatore della love parade)
E poi con Van Dik, Cosmic Baby, Prodigy etc etc.

Come una falena , che ama trasformarsi, un nuovo percorso Artistico musicale sta per cominciare.

Concept Artistic : Electrovinyl

taste it …:::  https://soundcloud.com/markbhut/mark-bhut-middle-storm-02 :::…

Notte dei Musei: Fine Settimana Digitale al Museo dell’Informatica Funzionante

Il Museo dell’Informatica Funzionante di Palazzolo Acreide (SR) sara’ aperto per sperimentazione,

workshop ed incontri dal 16 al 18 Maggio 2014!

Venerdi mattina inizieremo con un laboratorio di sperimentazione libera durante il quale giocheremo insieme con GNU/Linux, Blender, Arduino, Pure Data, Kinect, Leap, Raspberry PI etc… a cura di AK!Lab. Il tutto durera’ fino a sabato notte / domenica mattina!

Sabato 17 sara’ possibile visitare l’esposizione ed interagire con i nostri computer storici perfettamente restaurati!

Sara’ possibile inoltre assistere o collaborare al lavoro di restauro e rimessa in funzione di un sistema storico Digital DEC PDP-11/23.

Riattiveremo inoltre uno o due sistemi Digital VAX/VMS storici che saranno messi online ad accesso libero!

Chi viene potra’, se vuole, rimboccarsi le maniche e darci una mano a sistemare la Biblioteca od il nostro Archivio dei pezzi!

Partecipate numerosi!

Per informazioni, email museo@freaknet.org
Tel. 0931-184-5849

Questo fine settimana non sara' solamente Notte dei musei... sara' un

Fine Settimana Digitale al Museo dell’Informatica Funzionante
Dal 16-18 Maggio 2014!

Il Museo dell’Informatica Funzionante di Palazzolo Acreide (SR) sara' aperto per sperimentazione, workshop ed incontri dal 16 al 18 Maggio 2014! 

Venerdi mattina inizieremo con un laboratorio di sperimentazione libera durante il quale giocheremo insieme con GNU/Linux, Blender, Arduino, Pure Data, Kinect, Leap, Raspberry PI etc… a cura di AK!Lab. Il tutto durera' fino a sabato notte / domenica mattina!

Sabato 17 sara’ possibile visitare l’esposizione ed interagire con i nostri computer storici perfettamente restaurati!

Sara’ possibile inoltre assistere o collaborare al lavoro di restauro e rimessa in funzione di un sistema storico Digital DEC PDP-11/23.

Riattiveremo inoltre uno o due sistemi Digital VAX/VMS storici che saranno messi online ad accesso libero!

Chi viene potra', se vuole, rimboccarsi le maniche e darci una mano a sistemare la Biblioteca od il nostro Archivio dei pezzi! :)

Partecipate numerosi!
Per informazione, email museo@freaknet.org
Tel. 0931-184-5849

da Feudalesimo e Liberta’ : Microsoft XP

link alla FB page  => https://www.facebook.com/feudalesimoeliberta/photos/a.181343475341264.51796.181334612008817/386153448193598/

periculo

Se anco le vostre paersone sono avezze allo utilizzo de elettronici abachi adoperanti lo mephistphelico “morbidosamerce” delli opifici della vallata dello silicio que va sub lo nomine de “MICROMORBIDO FENESTRA 10P”, saprete que lo diaboliquo GUGLIELMO CANCELLI ne habet decretato la mors alla guisa de un antiquo gubernante romano collo scunfitto gladiatore.

Milia et milia paersone non fan que crucciaisi per esta novitade, spaventati dallo rimaner sine difesa alcuna…alla mercé de corsari, pirati et untori dello internetto.

Essi probabilmente dimenticano que nonostante danarosi et pesanterrimi anti-virus lo proprio computatore habet periodicamente contratto morbi et flagelli de ogne sorta e specie.

Questa est difatti la sorte spettante a omnia color li quali si affidan alla muderna tecnologia onde protegger li propri dati et documenta.

Cum Feudalesimo e Libertá non possiam que esortar vobis alla magna assoluta daestructionem de codesti cuntemporanei marquingegni, sed sappiam bene que multi sodali non sunt ancora pronti ad abbandonar musoliber, lo cinguettio, “parola” et la focosa volpide.

Nonostante la ferma cundanna verso l’adoperatio de esti sistemi, la di nostra magnanimitade ci costringe ad aiutar anco codesti figuri cumsiliandoli di proteggersi da malattie et scorribande piratesque coll’adoperatio de una pesante cotta de maglia.

Ninguno strumento risulta difatti milior per fermar untori et corsari de un buon et vetusto ferreo vestimento.

///

best comments 😀 :

Antonello Iaccarino:

Sacripante! Habeo appena terminato de damnarmi l’anima cum multeplici blasfemie et imprecationi ne lo cumstatare come lo pargulo mio sommamente imputtanato ha lo computatore, tramutandolo in uno autentico verminaio! A ogne movimento de lo puntator de lo topo s’apron diaboliche fenestre cum publicitate de ogne genere et ogne sorta, da la morbidamerce pe’ rimover microorganismi la quale truffaldinamente altri ve n’aggiunge, a le peccaminose imagini di femine ignude le qual per mezzo de lo internetto offron meretricio!
A nulla vale lo anti-verminaio da lo nome celtico “De Afee” ch’aggio installato, contro le folli smanettamenta de lo filio lo qual scarica quintalate de immondezze in su lo pover mio computatore! Unica solutione è lo inviar lo filio a laborar ne’ campi acciocchè fortifichi le membra et lo spirito abiurando la fede empia ne le micromorbide heresie!

Antonio Escravo Bonifacio:

Sodali! Imperatore! Abbandonate le Fenestre che s’affaccian su distese di perdizione! Possa lo vostro calcolatore esser benedetto dallo sistema dello Pinguino multiforme!

Possa esso illuminare lo percorso vostro per le arzigogolate et spesso perigliose vie della Ragnatela!

kurumin

 

Cesare Pavese al suo Editore Giulio Einaudi by Asbesto Molesto

rieditata e attualizzata da Asbesto Molesto 😀

si, LUI 😀  del mitico Museo dell’Informatica Funzionante a Palazzolo Acreide (ma non solo) ==> http://museo.freaknet.org/it

antefatto, dal il  Post:

Da qualche giorno circola molto sui social network un estratto di una lettera che lo scrittore italiano Cesare Pavese scrisse il 14 aprile 1942 all’editore Giulio Einaudi. Nella lettera Pavese si lamenta dello “sfruttamento integrale” dei dipendenti della casa editrice, accusando Einaudi di avergli offerto troppo poco – sei sigari – come anticipo in cambio dell’introduzione a una voce enciclopedica. La lettera viene descritta come la reazione di Pavese allo sfruttamento a buon mercato del lavoro intellettuale: un tema tutt’ora molto attuale.

qui l’originale.

Schermata del 2014-04-08 12:16:22

 

Asbesto editingahahahah

“Spettabile Editore, avendo ricevuto n. 6 salsicce Roma del Che Guevara,

Vi ringrazio e avendole trovate marce, sono costretto a risponderVi che non posso mantenere un contratto iniziato sotto così cattivi auspici.

Succede inoltre che i sempre rinnovati incarichi di revisione e altre balle che mi appioppate in culo, non mi lasciano il tempo di attendere a più esecrabili lavori.

Sì, Egregio Editore, è venuta l’ ora di dirVi, con tutto il rispetto, che fin che continuerete con questo sistema di sfruttamento integrale dei Vostri dipendenti,

potrete andarvene affanculo.

C’ è una vita da vivere, ci sono delle troie da inforcare, cani da pisciare e tramonti da mettere su instagram.

La Natura insomma ci chiava, egregio Editore, e noi seguiamo il suo appello.

Cordialmente, Cesare Pavese”
Lettera a Giulio Einaudi, 1942

///

tutto rigorosamente Public Domain: nessun diritto immaginario riservato (Copyleft) 2012 Luther Blisset

 

 

Ho visto un programma in TV …

di Glauco Benigni.

programmitv_televisionando

“Ho visto un programma tv in cui una specie di papera di lusso travestita da conduttrice introduceva garrula un servizio fatto alla Caritas di Milano.

Nel filmato veniva intervistato un signore che aveva perduto il posto di lavoro e faceva la fila per un piatto di minestra insieme ai barboni classici …

la fabbrichetta in cui lavorava era stata costretta a chiudere a causa della impossibile concorrenza con i competitor multinazionali.

La papera si commuoveva, poi si indignava e chiedeva commenti a 3 uomini politici presenti in studio.

Però prima, tutta arzilla, “lanciava la pubblicità”.

Andava in onda uno spot demenziale in cui si promuoveva proprio quella merce multinazionale che aveva sottratto quote di mercato alla fabbrichetta.

Nè la papera né i politici (tra i quali uno che aveva presentato resoconti spese per rappresentanza pari a 30.000 Euro di cene in un anno) notavano l’assurda relazione tra i fatti narrati e la pubblicità.

Tronfi e sereni continuavano ad azzuffarsi dando della crisi in corso le solite banali interpretazioni da tifosi, tipiche del Bar Grand Italia.

Purtroppo è vero :

molti giornalisti e molti politici non si accorgono proprio di ciò che accade intorno a loro.

Si comportano come sciacalli a caccia di tragedie da azzannare per trarne brandelli di verità a sostegno della propria visione ottusa.

Solo alcuni politici infatti sono veri delinquenti consapevoli, molti sono semplicemente affetti da nuove forme di stupidità contemporanea, da ebete ossequio al potere, dall’impossibilità a stabilire “connessioni”… vivono all’interno di matrix ammantati dalla loro supponenza.

In questa stagione di falsa democrazia le cose vanno così, si sa. Ma che tristezza .

 

c_rai_interruzione

 

 

GiovanHARD by spinozaColorZ + 2spicci antipro’

GiovanHARD

[lughino]

==> https://www.facebook.com/spinozacolorz

e il video da Porta a Porta, da cui si evince che il “proibizionismo” di cui si fregia dal 2006 con il compare Fini,  e’ solo chiacchere&distintivo, al soldo di multinazionali, mafie, e corruzione parastatale organizzata.

oppure va querelando la figlia quando fuma Cannabis col fidanzato? 😀 son giovanardate dai..

25 gennaio 2014

Giovanardi: “Mia figlia disse di essersi fidanzata con un ragazzo di colore, rasta, forse gay”

Carlo Giovanardi a Porta a Porta: “Mia figlia qualche anno fa è venuta da me e mi ha detto

‘Ehi ciao babbo, sai sono stata in Sudafrica e mi sono fidanzata con un Rasta, di colore, forse gay. Di certo sposato con un altro uomo, ma per interesse”

Cara Figlia-di -Giovanardi, ti aspettiamo l’8 febbraio a Roma, alla marcia per liberare la Cannabis dalla galera psicoattiva di tuo “babbo”.

porta il fidanzato, e porta pure il bong!

Vi aspettiamo, LOVVELOVVELOVVE

A Christmas Message From Edward Snowden

… Because this message appears to be blocked in some place here’s another upload… Many thanks to Edward Snowden for his courage and hard work to let the world know about our predicament.

and make/get copy

of the copy

of the copy

of the copy ….

A Christmas Message From Edward Snowden from Gendo on Vimeo.

https://vimeo.com/82666985

 

for[rin]co[jo]ni[ty]

a leggere  streaming Twitter e nel fecciabuco un brivido e’ corso lungo la mia DORSALE.

e dato che non ho troppa voglia di sharare #FASCI, ho scelto giusto un paio di immagini, e un tuit, che ha trovato posto nei miei #BestTwit. 

una risata vi seppellira’. per dire…

#BestTwit:

@gio_dibartolo Quando l’uomo col forcone incontra l’uomo col Kalashnikov, l’uomo col forcone torna a guardare Maria de Filippi.

 

di caschi, fakes, sbirrume && sindacati:

commento d’autore:

GIA’. Mettiamoci i comitati NO MUOS: quante MAZZATE hanno preso per molto meno? Dovrebbero INCAZZARSI A BESTIA e andare a prendere i forconi a CALCI NEL CULO, dato che la polizia non sta quasi facendo un cazzo. Fossero stati COMUNISTI, cosa avremmo visto? teste rotte, gente sanguinante. Invece niente.

di #berluscone e #grillo, un paio godibili 🙂

 

e per finire un messaggio chiaro dalla  mitica Ubik di Savona (grandi ragazzi!):

https://twitter.com/CleliaMussari/status/410784447475482625/photo/1

Collegamento permanente dell'immagine integrata

 

non comprate, scaricate! download!

da massicadenti, ottima analisi:

40 anni fa usavi le pellicole in SUPEROTTO:
era un formato efficace ma molto costoso, che perdeva i colori, e che si rigava la pellicola e spesso finiva anche per rompersi dentro al tuo proiettore, con grande tristezza per chi lo stava vedendo.
Quindi, 30 anni fa, ti abbiamo fatto prendere il BETAMAX:
questo sistema era all’avanguardia, ma, grazie all’industria del porno, poi sei stato costretto a prendere anche il VHS:

questo sistema aveva una qualità inferiore, ma era il più diffuso, motivo per cui abbiamo fatto le cassette in VHS.
Poi, 15 anni fa, ti abbiamo detto che anche il VHS era un sistema che non andava più bene, e ti abbiamo costretto a ricomprare per la quarta volta il tuo film preferito in formato DVD:
era un formato digitale, si vedeva meglio, e soprattutto “non si rovinava dopo essere stato visto molte volte”… naturalmente non era vero, ma te l’abbiamo fatto credere!
Poi, 5 anni fa, ti abbiamo fatto comprare gli HD-DVD:
i DVD in alta definizione, perché siamo furbi e ti abbiamo fatto prendere un lettore che non ti serviva a un cazzo!

 

Ma ora, ti diciamo di prendere il BLU RAY:

che è un formato ancora in alta definizione, che si vede ancora come l’HD-DVD, ma è supportato dalle major di Hollywood, e quindi, il tuo film preferito dovrai ricomprarlo per la sesta volta, dopo averlo comprato la prima volta in SUPEROTTO, dopo averlo comprato la seconda volta in BETAMAX, dopo averlo comprato la terza volta in VHS, dopo averlo comprato la quarta volta in DVD, dopo averlo comprato la quinta volta in HD-DVD, e infine, per LA SESTA VOLTA, dovrai ricomprarlo nel formato BLU-RAY!
Un formato digitale, in alta definizione, che naturalmente ti facciamo pagare più caro degli altri, perché “si vede meglio”:
e questo formato digitale tu lo devi pagare, anche se noi avevamo già transcodificato il film in formato digitale, perché non siamo mica fessi:
noi delle major abbiamo già il formato a 3K che si vede come il cinema, ma naturalmente per ora ti diamo il BLU-RAY perché si vede a 1080 progressivi.
Che è circa un terzo della qualità del cinema! Ma naturalmente tu devi pagarcelo perché noi abbiamo speso ingenti somme nel fare il film, nel fare la transcodifica del DVD, dell’HD-DVD, del BLU-RAY, e quindi tu ci devi pagare ancora più caro il BLU-RAY rispetto al DVD, anche se il BLU-RAY è stato fatto con la stessa acquisizione in 3K della pellicola che è stata fatta quando abbiamo prodotto il DVD! Non è stata fatta nessuna rimasterizzazione del film rispetto al DVD!

QUINDI, se avete comprato il cofanetto di Guerre Stellari in VHS quando è stato venduto la prima volta, e poi l’avete dovuto ricomprare in VHS quando è stato venduto in edizione rimasterizzata, e poi l’avete dovuto ricomprare in VHS quando è stato venduto in edizione speciale con le scene inedite, e poi l’avete dovuto ricomprare in DVD che hanno fatto il cofanetto con 4 DVD, ma poi l’avete dovuto ricomprare in DVD che hanno fatto il cofanetto con tutti e sei i film e con altri extra aggiuntivi, e poi l’avete ricomprato in HD-DVD perché non sapevate che era il formato che sarebbe stato buttato giù dalle major di Hollywood, e infine l’avete ricomprato in BLU-RAY.

OGNI VOLTA, avete ripagato i diritti d’autore NONOSTANTE LI AVESTE GIA’ PAGATI LA PRIMA VOLTA quando avevate comprato il cofanetto in VHS dell’edizione normale non rimasterizzata, e l’avevate comprato a metà degli anni ’80, poco dopo l’uscita del film”Il ritorno dello Jedi”. Ma naturalmente tutto questo non c’entra nulla perché voi dovete pagare i diritti d’autore OGNI VOLTA che ricomprate lo stesso film, anche se cambia il formato.

LA LOGICA VORREBBE che non dovreste ripagare ogni volta i diritti d’autore:

tuttavia le major non consentono il passaggio dalla vecchia edizione alla nuova pagando soltanto il costo della stampa della nuova edizione.

PER ESEMPIO:

se voi avete la VHS del cofanetto di ritorno al futuro, non dovreste ricomprare il DVD o il BLU-RAY *PAGANDOLO COME CHI NON HA MAI AVUTO LA VHS*, dovreste pagare molto meno perché il diritto d’autore ce l’avete già, avete il diritto di guardare il film per visione privata e non è limitato al supporto, né alla sua obsolescenza.
E’ un diritto che è INFINITO, è PERMANENTE e l’avete perché avete pagato i diritti d’autore quando avete comprato la VHS del film.

ORA, però, dovete ripagare QUEGLI STESSI DIRITTI D’AUTORE CHE AVETE GIA’, dovete ripagarli una seconda volta solo perché è cambiato il formato.

La stessa cosa farete quando avrete comprato il BLU-RAY e la stessa cosa continuerete a fare VITA NATURAL DURANTE, per TUTTI i film che avete, perché cambiano i formati in continuazione, diventano obsoleti, e comunque le major di Hollywood ci marciano sopra, così come ci marcia la SIAE.

Allora QUAL E’ la soluzione a tutto questo?

SEMPLICE: NON COMPRARE.

Ripeto: NON – COMPRARE.

Rimanete con i formati vecchi se volete gli originali, per il resto scaricate

(NON E’ UN REATO, ripeto NON E’ UN REATO)

tutto quello che avete già comprato sui formati vecchi che si sono consumati o che comunque sono diventati obsoleti, scaricateli e andate bene così.

Perché il diritto di visione lo avete già pagato quando avete preso la VHS (o il Betamax, o il super8) e questo è indipendente dal supporto o dalla sua obsolescenza.

Il diritto riguarda l’opera in sé, non il supporto su cui è registrata.

Lo stesso vale per i dischi in vinile:

il disco in vinile non è eterno come non lo è il CD, come non lo è il SuperAudioCD, il DVD Audio e gli altri formati FECCIA che hanno fatto che non hanno avuto nessun successo ma voi magari li avete comprati lo stesso perché siete fessi, e allora scaricate in mp3:

l’MP3 è ETERNO e si ascolterà SEMPRE UGUALE OGNI VOLTA senza perdita di qualità, a differenza del CD che si graffia, del DVD che si graffia, del vinile che si consuma e che salta, l’MP3 è INFINITO:

potete passarlo da un dispositivo a un altro, da un computer a un altro, perché non ci sono problemi di DRM e si ascolterà SEMPRE UGUALE.

E lo stesso vale per i film: quindi non comprate, scaricate tutto quello che già avete in altri formati per quanto obsoleti o rovinati; se proprio volete comprare, comprate solo la novità, solo se proprio volete e non ne potete fare a meno:

ma in tempi di crisi, sapete cosa dovete fare.

nosiae_int_thumb

Eclecticism Now!

Quando tematiche non correlate fra loro potrebbero....

Prismi - Pensieri filosofici

Il sito di chi vuole pensare

Yanis Varoufakis

thoughts for the post-2008 world

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

TechCrunch

Startup and Technology News

R H I Z O M A T I C A

Mobile Communications for All

The Cryptosphere

Short and sweet cyber and crypto news for the whole family!

Barbara Collevecchio

Psicoanalisi & politica

#DigiTsipras

Progetto digitale a supporto della Lista "L'Altra Europa con Tsipras"

Stop TTIP Italia

Fermiamo il trattato di liberalizzazione UE-USA

hidden66

"Pensieri disordinati di un uomo mediamente comune..."

Partito Pirata Italiano Ferrara

Non votate per noi, Votate per voi: Non votate un leader, un gerarca, un presidente, un segretario, un onorevole, un deputato. Votate voi stessi.

Count inform action

DON'T HATE THE MEDIA. BECOME YOUR MEDIA

WordPress.com VIP

Enterprise WordPress Hosting, Support, and Services

TIME

Current & Breaking News | National & World Updates

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: