Archivio | eventi&meeting RSS for this section

13.02.15 Secret Masked Party call4all

Colgo l’occasione x invitarti al secret party:
=====>   Secret Masked Party / venerdi 13 febbraio 2015   <=====

Secret location …possiamo solo dirvi che sara’ un Club all’interno di uno dei Teatri + belli di Roma.

L’ Irregolarità, la difformità dalla regola generale, l’esigenza di uscire dalla monotonia del clubbing,

dalle solite feste,  il desiderio di offrire un esperienza unica ed etilica a tutti gli invitati.

In una cornice diversa dal solito, anomala e soprattutto… SEGRETA.

Immersi in un scenario immaginario, dove lo spazio fisico e rappresentativo lascera’ posto a un vero e proprio Club Techno.

Vi stupiremo e stupirete con la vostra interattivita’ all’evento, indosserete se lo vorrete, la maschera “Tracotantia”

Prenotate sin da ora il vostro braccialetto.  

==> Il teatro che diventa club <===
mandatemi un sms al 333 61.43.962 o 340 70.48.642

Open Bar tutta la Notte, &&

∆NOM∆LI∆ =>  Techno // Drum & Bass // Dub

Short Bio : ITA
MARK BHUT

È uno dei grandi pionieri della musica techno in Italia, definito anche uno dei padri putativi della prima scena della musica trance embrionale primi anni novanta, e della techno importata direttamente dalla Germania.

La Germania e’ da anni il paese europeo in cui si concentrano la maggior parte di musica elettronica e artisti di tutto il mondo che cercano, provano, trovano musica in terra tedesca.

Attingo da sempre li’, dalle prime influenze negli anni 90 condividendo da varie generazioni consolle con artisti di calibro mondiale.

Per citarne alcuni, dalle prime sonorità techno Sven Väth, in club come L’ Omen di Francoforte, Tresor, insieme ai primi mega party come il Tribal Gathering.

Fino ai giorni nostri l’ evoluzione continua con la musica sempre nell’anima.

Il suo profilo si arricchisce grazie all’ esperienza acquisita suonando accanto a dj del calibro di Dj Dag, Mark Spoon, Dr Motte (fondatore della love parade)
E poi con Van Dik, Cosmic Baby, Prodigy etc etc.

Come una falena , che ama trasformarsi, un nuovo percorso Artistico musicale sta per cominciare.

Concept Artistic : Electrovinyl

taste it …:::  https://soundcloud.com/markbhut/mark-bhut-middle-storm-02 :::…

Notte dei Musei: Fine Settimana Digitale al Museo dell’Informatica Funzionante

Il Museo dell’Informatica Funzionante di Palazzolo Acreide (SR) sara’ aperto per sperimentazione,

workshop ed incontri dal 16 al 18 Maggio 2014!

Venerdi mattina inizieremo con un laboratorio di sperimentazione libera durante il quale giocheremo insieme con GNU/Linux, Blender, Arduino, Pure Data, Kinect, Leap, Raspberry PI etc… a cura di AK!Lab. Il tutto durera’ fino a sabato notte / domenica mattina!

Sabato 17 sara’ possibile visitare l’esposizione ed interagire con i nostri computer storici perfettamente restaurati!

Sara’ possibile inoltre assistere o collaborare al lavoro di restauro e rimessa in funzione di un sistema storico Digital DEC PDP-11/23.

Riattiveremo inoltre uno o due sistemi Digital VAX/VMS storici che saranno messi online ad accesso libero!

Chi viene potra’, se vuole, rimboccarsi le maniche e darci una mano a sistemare la Biblioteca od il nostro Archivio dei pezzi!

Partecipate numerosi!

Per informazioni, email museo@freaknet.org
Tel. 0931-184-5849

Questo fine settimana non sara' solamente Notte dei musei... sara' un

Fine Settimana Digitale al Museo dell’Informatica Funzionante
Dal 16-18 Maggio 2014!

Il Museo dell’Informatica Funzionante di Palazzolo Acreide (SR) sara' aperto per sperimentazione, workshop ed incontri dal 16 al 18 Maggio 2014! 

Venerdi mattina inizieremo con un laboratorio di sperimentazione libera durante il quale giocheremo insieme con GNU/Linux, Blender, Arduino, Pure Data, Kinect, Leap, Raspberry PI etc… a cura di AK!Lab. Il tutto durera' fino a sabato notte / domenica mattina!

Sabato 17 sara’ possibile visitare l’esposizione ed interagire con i nostri computer storici perfettamente restaurati!

Sara’ possibile inoltre assistere o collaborare al lavoro di restauro e rimessa in funzione di un sistema storico Digital DEC PDP-11/23.

Riattiveremo inoltre uno o due sistemi Digital VAX/VMS storici che saranno messi online ad accesso libero!

Chi viene potra', se vuole, rimboccarsi le maniche e darci una mano a sistemare la Biblioteca od il nostro Archivio dei pezzi! :)

Partecipate numerosi!
Per informazione, email museo@freaknet.org
Tel. 0931-184-5849

hackmeeting 0x11 in action: warmup del maggio bolognese

prossimi all’Hackmeeting 2014, 17ma edizione in dirittura d’arrivo  all’ XM24 a Bologna per fine giugno => http://it.hackmeeting.org/

qui la call4all_warmup del maggio bolognese:

warmup_maggio_a5

Hackmeeting 2014 is coming!!!

27-28-29 Giugno @ Xm24, via Fioravanti -Bologna

///////////////

6/05 h: 19.30 – Browser Dataseal @ Hobo, giardini di via Filippo Re

Seduta di autocoscienza tecnospirituale per rendere la navigazione

on-line invisibile ai radar come un aereo malese.

link: http://it.hackmeeting.org/warmup/browser-dataseal

::::

8/05 h: 20.30 – DIY book scanning @ Casalecchio di Reno, via Canonica 18

Buone pratiche e software libero per la digitalizzazione di testi cartacei

e la pubblicazione nel web.

link: http://it.hackmeeting.org/warmup/diybookscanning

::::

12/05 h: 20.30 – FREEgitrice @ Casalecchio di Reno, via Canonica 18

Giocare con RaspberryPI, freepto e un forno a microonde.

link: http://it.hackmeeting.org/warmup/freegitrice

::::

22/05 h: 20.00 – Reti comunitarie con l’eigenLab di Pisa

@ Labas (in via di definizione)

::::

28/05 h: 18.00 – Cervelli sconnessi.

La resistibile ascesa del net-liberismo e il dilagare della stupidità digitale

@ Libreria Ubik Irnerio, via Irnerio 27

Presentazione con Giuliano Santoro, Wu Ming, Mazzetta e Marco Trotta

link: http://it.hackmeeting.org/warmup/cervelli-sconnessi

::::

al link di seguito  l’audio della trasmissione radio

realizzata tra Roma e Bologna, trasmessa in FM da Radio Onda Rossa,

e rimbalzata in streaming da altre webradio-sorellanza, Bologna e non:

http://www.arkiwi.org/search64/c3ViamVjdDogaGFja21lZXRpbmcgQU5EIGRhdGU6IDIwMTQtMDQtMjQ/html

 

..::Enjoy HackIT::..



 

8 febbraio: call4action droghe. mai piu’ fini-giovanardi

per il prossimo 8 febbraio una grande call4action dal basso ha organizzato il corteo nazionale che dara’ voce comune e visibile all’abbattimento senza-se-e-senza-ma di quel grande falso d’autore che si chiama FINI-GIOVANARDI.

ILLEGALE E’ LA LEGGE, IL SUO COSTO REALE

sito di cooordinamento: http://www.leggeillegale.org/

II 15 dicembre a Roma, la Rete “Fine del Mondo Proibizionista” ha indetto una assemblea nazionale, in vista del pronunciamento della Corte Costituzionale sulla Fini/Giovanardi, previsto il prossimo 11 febbraio, alla quale hanno aderito, animando attivamente l’incontro e il dibattito, un vasto ed eterogeneo numero di realtà, soggetti, gruppi, che spaziano dai CSOA agli operatori di riduzione del danno, ad associazioni, onlus e parti di organizzazioni istituzionali.
Otto anni di Fini/Giovanardi hanno prodotto decine di migliaia di arresti, millenni di galera per la somma delle condanne, sovraffollamento delle carceri, costi esorbitanti per la macchina repressiva e giudiziaria, crescita dei profitti delle narcomafie; tante, troppe le persecuzioni e le vittime, troppe le morti che reclamano verità.

Le due leggi sulle droghe e sull’immigrazione hanno provocato una serie di procedimenti che hanno fatto diventare la condizione carceraria Italiana un’emergenza, un caso nazionale, che ci pone fuori dagli standard europei..

Nessun altro paese europeo ha così tanti detenuti per reati connessi alle sostanze illegali: la pesante criminalizzazione dei consumatori stride di fatto con l’impunità riservata dal nostro sistema giudiziario ad autori di reati di ben altra natura, i cui effetti nuocciono alla salute della società intera, come se le categorie da individuare e perseguire fossero pre-costruite a suon di stigma. L’Europa, sulla situazione nei nostri istituti di pena ha già richiamato l’Italia, che si appresta a presiedere il Consiglio della Comunità Europea con delle pessime credenziali, rea di non rispettare alcuni fondamentali diritti umani; tra poco scatteranno salatissime e meritate multe!
Tutto questo avviene da anni con la copertura compiacente, mistificante e costosa del Dipartimento Politiche Antidroga (DPA), organo della Presidenza del Consiglio anzichè dei dicasteri più direttamente competenti in materia (in particolare Salute, Giustizia, Politiche sociali). Il DPA sostiene, contro ogni evidenza, che i consumatori di sostanze non sono puniti ma curati; ostacola, anche nelle sedi internazionali, le politiche di riduzione del danno; e promuove un modello bio-medico-patologico dell’uso di droghe che assimila tutte le sostanze e tutti gli stili di consumo. Dopo la caduta del governo di centro-destra che ha imposto la Fini-Giovanardi nessuno dei successivi governi ha mosso un dito per rimediare a tale drammatica situazione.

Oggi, finalmente, sembra muoversi qualcosa… sembra che si possa arrestare il sistema.

Da gennaio a oggi numerosi tribunali, tra cui la corte di Cassazione, hanno sospeso i processi e mandato la Fini\Giovanardi all’esame della Consulta per la sua evidente incostituzionalità. E adesso sappiamo che la Corte Costituzionale discuterà la questione l’11 febbraio prossimo.
Le principali contestazioni che saranno all’esame, riguardano l’iter della legge che, invece di essere discussa in parlamento, è stata approvata tramite un decreto che riguardava un altro argomento (le Olimpiadi invernali di Torino 2006) e senza che ce ne fosse motivo d’urgenza; inoltre l’equiparazione delle sanzioni per droghe pesanti e leggere, viola la normativa europea in proposito.
Abbiamo tutti/e ben chiaro che la possibilità che la Corte Costituzionale cancelli la Fini/Giovanardi è un’occasione irripetibile, che aprirebbe scenari completamente nuovi.

Per questo riteniamo necessario riunire tutte le forze, mobilitare soggetti, gruppi, attivisti, pazienti, strutture ed organizzazioni, che da anni si battono per l’abrogazione di questa infausta legge, in una grande manifestazione che si terrà a Roma l’8 febbraio 2014. Vogliamo costruire un percorso dal basso e condiviso che focalizzi l’attenzione sui danni causati dalla Fini/Giovanardi e che sia da propulsore alle decisioni della Corte Costituzionale.

Chiediamo a tutte e a tutti di aderire e far girare questo appello; di organizzare la mobilitazione a partire dai territori informando e promuovendo iniziative di raccolta fondi a sostegno della partecipazione alla manifestazione, tantissimi punti segnati su una mappa dove, chi vorrà, potrà trovare altri disposti a organizzare il viaggio collettivo fino a Roma, mettendo a disposizione o affittando assieme i mezzi.

Non siamo più disposti a pagare con le nostre vite e con i nostri diritti il prezzo di leggi ideologiche e repressive finalizzate a rafforzare il miliardario monopolio del commercio delle narcomafie; non siamo più disposti a veder riempire le galere di consumatori, che diventano secondo il teorema criminal patogeno, tanto caro alla propaganda proibizionista, individui pericolosi per se e l’intera collettività, da punire e correggere, dei criminali malati di mente. Non siamo più disposti a vedere perseguitare perfino i pazienti che usano la cannabis a scopo terapeutico. Non siamo più disposti a lasciare morire persone nelle carceri, e’ arrivato il momento di avanzare verso la completa depenalizzazione dell’uso personale di sostanze, iniziando dalla cannabis e dalla sua autoproduzione, come d’altronde sta già avvenendo in molti paesi del mondo.

L’8 febbraio saremo in piazza perché

Giusto o sbagliato, non può essere reato!

Per info ed adesioni scrivi a adesioni@leggeillegale.org

Firmatari:

C.S.O.A. Forte Prenestino (Roma), C.S.O.A. Sans Papier (Roma), Laboratorio Puzzle (Roma), Infoshock C.S.O.A. Gabrio (Torino), Lab57 (Laboratorio Antiproibizionista Bologna), Osservatorio Antiproibizionista Canapisa Crew (Pisa), Laboratorio Occupato SKA (Napoli), Comitato Verità per Aldo Bianzino (Perugia), Studenti Scuole Superiori, European Coalition for Just and Effective Drug Policies (ENCOD Italia), Million Marijuana March (Italia), Ass.ne Ecorevolution, Ass.ne Attivamente, Ass.ne Tilt, Ass.ne Giovani per Turania, Ass.ne Ascia, Ass.ne Freeweed, Quadraro Massive Sound System, SEL, Overgrow Comunity, Sicilcanapa, P.I.C. – Pazienti Impazienti Cannabis, alcuni pazienti, Forum Droghe, Ass.ne Antigone, Teatro Valle Occupato (Roma), C.S.O.A. Le Macerie Baracche Ribelli (Molfetta- BA), Ass.ne Campagnano-r@p Rete Autorganizzazione Popolare, Circolo Anarchico Ponte della Ghisolfa, S.P.A. Leoncavallo, Ass.ne Cannabica La Kalada (Barcellona,Spain), Nuovo Cinema Palazzo, Comunità S. Benedetto al Porto (Genova)

CULTURA+ :EC(m1) ecosistema cultura Municipio Roma 1

Seconda giornata del Tavolo Cultura del I Municipio: Cultur+

luogo di partecipazione e di ascolto delle problematiche degli operatori culturali nel centro storico e che ha visto la partecipazione di più di 300 associazioni.

Dopo l’incontro di settembre alla Casa delle Culture, torna CULTUR+, l’evento del I Municipio dedicato alla cultura e al suo ecosistema.

Il secondo incontro avrà luogo a Roma presso Porta Futuro, Sabato 9 novembre 2013 dalle ore 10 alle ore 17 (Via Galvani 108), con lo scopo di porre in relazione le realtà che fanno parte del sistema cultura della “City”, promuovere sinergie e opportunità di collaborazione.

In questa direzione Art is Open Source, promotore del progetto EC(m1), presentarà – insieme alla piattaforma – visioni e prospettive verso la realizzazione del primo “Ufficio Ecosistemico”, frutto delle riflessioni sviluppate in questi mesi dopo il lancio di EC(m1).

L’evento si articolerà in una giornata di lavori che prevedono l’apertura di workshop tematici (aperti a tutti i soggetti interessati) e un’assemblea plenaria. I gruppi avranno il compito di discutere ed individuare degli obiettivi riguardo le varie aree della cultura.

Si formeranno i seguenti tavoli identificati ciascuno da un colore:

arancio – SPETTACOLO DAL VIVO: teatro, musica, danza, arti circensi, arte di strada.
rosso – CULTURA DELLA COMUNICAZIONE grafica, architettura, design, arti visive.
rosa – RISORSE PER LA CULTURA: rigenerazione degli spazi, coworking, reti e mutualità professionale, risorse finanziarie, fund raising.
viola – CULTURA VISUALE: cinema, corti, fiction, audio, video.
azzurro – IL MAGICO MONDO DELLA LETTURA: imprese editoriali, promozione della lettura, biblioteche.
verde – CULTURA E CULTURE: pluralismo delle culture, inclusione culture e dialogo, turismo incontro di indentità.

I partecipanti all’atto della registrazione indicheranno l’ambito di cultura di loro interesse; nel foyer della sala assembleare verrà fornito loro un quadrato colorato da appuntare sugli abiti come segno di riconoscimento.

PROGRAMMA DEI LAVORI

– ore 10.00: apertura dell’incontro con gli Amministratori pubblici che delineano le strategie del Municipio 1 rispetto ai temi della Cultura e del Turismo. A. Valeri, Assessore alle Politiche culturali del primo Municipio, ………

– ore 10.30: “EC(m1). un Ecosistema per la vita culturale della città” a cura di AOS – S. Iaconesi e O. Persico

– ore 10.50: Living ECm1 – performance a cura di Luigi Straffi e Antonietta Campilongo

– ore 11.00: creazione dei gruppi e prima sessione dei tavoli tematici

– ore 13.00 – Pausa lavori

– ore 14.00: seconda sessione tavoli tematici

– ore 15.50: “L’Ufficio Ecosistemico” a cura di Salvatore Iaconesi

– ore 16.00: I gruppi confluiscono in assemblea plenaria. I portavoce riportano le proposte scaturite dalle discussioni.

– Ore 16,30 Conclusioni. La chiusura del lavori prevede la programmazione di una nuova scadenza per il terzo incontro di verifiche.

 

associazioni, comitati, teatri, cinema ed ogni altra realtà culturale interessata di inviare una pre iscrizione alla mail:

andrea.valeri@comune.roma.it.

articolo sul Manifesto di Arturo Di Corinto per #NOV5TH

English: Demonstrator with a Guy Fawkes mask i...

Anonymous, giù la maschera Oggi la marcia degli hacktivisti

*Million Mask March: Anonymous scende in piazza*

*Gli hacktivisti: Tolleranza zero verso i governi corrotti*

Arturo Di Corinto

*per il Manifesto*

2012-06-30 12.31.07

Uniti contro la società del controllo globale. Gli Anonymous chiamano alla sollevazione, e martedì 5 novembre, in onore di Guy Fawkes, daranno fuoco alle polveri della protesta precipitandosi nelle piazze di oltre 400 città, dal Texas a Città del Capo.

È la Million Mask March, che vuole portare ovunque la sua “Dichiarazione di libertà”, contro l’oppressione di tutti i governi. Vestiti con la maschera di Guy Fawkes, il rivoluzionario del XVII secolo che voleva far saltare con 36 barili di polvere pirica il Parlamento britannico, si ritroveranno a migliaia a invocare trasparenza e giustizia in una marcia pacifica il cui epicentro sarà il Monumento a George Washington, nell’omonima capitale federale americana.

L’evento, seppure richiami alla memoria altre marce come questa, non ha precedenti:

per la prima volta il movimento globale che veste i panni del rivoluzionario inglese usa come megafono Facebook ed è la prima volta che si organizza a livello mondiale per rivendicare istanze politiche e sociali. Era successo su una scala minore solo in occasione delle proteste contro l’Acta, l’accordo anti-contraffazione.

Nel passato gli anonymous avevano operato sempre attraverso specifiche campagne, contro Scientology, contro i padroni del copyright – la Riaa e la Mpaa-, per vendicare il blocco dei conti di Wikileaks, per ridicolizzare la H.B. Gary, contractor della difesa americana, o la Vitrociset, che si occupava di gestire i dati delle polizie italiane.

Stavolta no, la chiamata è globale, di fronte allo scandalo del Datagate denunciato da Edward Snowden, mentre la crisi morde, la disoccupazione avanza e le guerre continuano.

È presto per dire che il movimento globale contro la corruzione e la guerra, contro le banche d’affari e il mercatismo si stia globalizzando sotto la bandiera di Anonymous, ma è un fatto che a chiamare tutti a raccolta dal sito della marcia siano occupiers, whistleblowers e hacktivisti.

E sigle come Wikileaks, il Partito pirata e Occupy Wall Street.

Nel passato le incursioni degli Anonymous avevano usato strumenti tipicamente hacktivisti, cioè da attivisti che usano le tecniche dell’hacking per vendicare un torto o denunciare uno scandalo.

Prima di eseguire e rivendicare le azioni gli anonymi si sono sempre coordinati in chat room segrete per definire obiettivi ed entità degli attacchi che potevano sfociare in un DdoS (distributed denial of service), l’interrruzione temporanea di un servizio Internet sovraccaricandolo di richieste, concludersi con il defacciamento del sito di Miss Padania, o con la pubblicazione sul web di nome e cognome di pedofili o neonazisti.

Così, dopo gli scherzi goliardici su 4chan, dopo gli interventi di “vigilantismo” che erano andati a pescare cyberbulli e pedopornografi nel deep web, la socializzazione delle tattiche e delle tecniche degli Anonymous aveva innescato la dinamica dell’emulazione ingrossandone le fila e moltiplicando gli interventi: azioni sempre più difficili ed eclatanti, ai danni del Vaticano, del parlamento ungherese, di Equitalia.

Fallito il tentativo dell’intelligence nostrana di presentare quattro anonymi arrestati come pirati informatici dediti al ricatto, anche le crew italiane sono diventate più forti e politicamente consapevoli, un fatto che nelle molte interpretazioni libresche e giornalistiche è stato colto solo dal libro Anonymous.

Noi siamo legione, della giornalista italiana Antonella Beccaria (Aliberti 2012).

Adesso l’obiettivo è uscire allo scoperto e portare quanta più gente possibile in piazza e di farlo attraverso Facebook, uno degli strumenti meno amati dagli hacker, proprio per il suo carattere di aggregatore a privacy zero di dati personali, paradigma di quella sorveglianza globale cui ogni giorno ci consegnamo volontariamente e spesso consapevolmente.

Non sapppiamo se sia l’inizio di un movimento destinato a durare, capace di collegare soggettività e moltitudini, ma il messaggio di Anonymous sembra chiaro:

non esiste soluzione singolare ai problemi collettivi e il 99% del pianeta, motivato e con gli strumenti giusti, cioè Internet, è oggi nella condizione di sviluppare una nuova cultura e una nuova società, fondata sulla solidarietà, la pace e la trasparenza.

E proprio per questo la difesa della rete e della libertà di comunicazione è al centro del messaggio della marcia che vuole dire basta alla repressione digitale, alle armate del copyright e agli spioni governativi.La Million Mask March segue la logica zapatista: coprirsi il volto per non farsi vedere, mostrarsi per nascondersi, unirsi per cambiare. Ne vedremo delle belle.

 

RETE BENE COMUNE: NINUXDAY 2013 @FUSOLAB-ROMA

La community Ninux – Wireless Community Network è lieta di invitarvi al secondo “Ninux Day”,

l’unico giorno che dura un weekend

Uno slot di tempo surreale per affrontare varie tematiche sulle wireless communities, e riunire sotto lo stesso tetto hackers, smanettoni, nerds, ingegneri, informatici, artisti, curiosi ed accademici.

Verranno affrontati argomenti, sia tecnici che sociali, insieme ad esperti e non provenienti da tutta Italia e dall’Europa.

Dal 1 al 3 Novembre 2013 al Fusolab 2.0!
Programma su http://wiki.ninux.org/NinuxDay2013

attachment:LocandinaNinuxDay2013_b.png

Blog: blog.ninux.org

Mappa dei nodi ninux: map.ninux.org

Ninux Day 2009: http://blog.ninux.org/tag/ninux-day/

Costo: gratuito, donazioni benvenute

Vieni anche tu al Ninux Day, l'unico giorno che dura un weekend!

Viale della Bella Villa 94 (zona Alessandrino, Roma)

www.fusolab.net - info@fusolab.net - http://www.facebook.com/fusolab -
https://twitter.com/

INGRESSO A SOTTOSCRIZIONE

PARCHEGGIO FINO ALLE 3.00 PRESSO IL PARCHEGGIO MULTIPIANO IPERCOOP

INCONTRO EUROMEDITERRANEO // DEBITO DIRITTI DEMOCRAZIA

logo

 

che cos’e’? trovate QUI le info.

 

QUI invece la raccolta fondi, supportate anche con una piccola donazione

 

Agora99 è un incontro euro-mediterraneo su debito, diritti e democrazia inteso a dare corso a un processo ampio e condiviso verso l’Europa del comune. La prima Agora99 si è tenuta dal 1 al 4 novembre 2012 a Madrid, a seguito di una proposta emersa durante l’assemblea internazionale di Blockupy Frankfurt 2012. La prossima Agora99 si terrà dal 1 al 3 novembre 2013 a Roma.

Perché un’altra Agora99?
Al di là delle importanti mobilitazioni e giornate di azione messe in campo in Europa, avvertiamo anche il bisogno continuo di aprire spazi comuni di confronto sulla trasformazione dello spazio euro-mediterraneo. Sebbene l’area euro-mediterranea sia stata ferita nel profondo dalle misure di austerità, dall’impoverimento, dalla cancellazione dei diritti sociali e dall’intensificarsi del razzismo, la fortezza Europa ormai in disfacimento non è solo uno spazio ostaggio della Troika. È anche uno spazio in trasformazione e continuo mutamento, reso vivo dalle tante e diverse lotte che l’attraversano rivendicando diritti e democrazia e rifiutando la schiavitù del debito.
Gli ultimi anni hanno visto il 99% ribellarsi nel mondo contro i governi nazionali e i poteri finanziari. In tale scenario, la traduzione di queste lotte in un processo costituente comune è la posta in gioco.

Un incontro per fare cosa?
Lo scopo di questa seconda Agora99 è interrogarci su cosa sia lo spazio europeo che oggi abitiamo e su come possiamo trasformarlo collettivamente. Debito, diritti e democrazia sono i tre assi cardinali di una bussola da assemblare collettivamente, a partire dalle diverse pratiche che abbiamo inventato e appreso nelle nostre lotte locali. L’idea e la pratica del comune è il magnete che può aiutarci a navigare insieme. Vogliamo creare uno spazio aperto fatto di differenze e comunanze – uno spazio dove cooperare e mettere a punto gli strumenti, le pratiche e le strategie di cui abbiamo bisogno per costruire l’Europa che vogliamo.

Quali i contenuti?
Agora99 si articolerà in tre diversi spazi di lavoro:
Tavole rotonde: spazi aperti di confronto su tematiche specifiche in relazione ai tre assi – debito, diritti e democrazia – per condividere saperi e punti di vista e sviluppare pratiche comuni.
Workshop: Spazi di lavoro per condividere le esperienze e pratiche sviluppate a livello locale e mettere a punto strumenti e strategie comuni.
Assemblee generali: spazi di discussione per condividere quanto emerso dalle tavole rotonde e dai workshop e confrontarsi ulteriormente sulle conclusioni e proposte comuni.

Come viene organizzato?
Il lavoro transnazionale in preparazione della prossima Agora99 è coordinato attraverso la mailing list europea transcollab@lists.so36.net (in inglese). La lista è stata creata durante l’assemblea europea di Blockupy Frankfurt 2012 ed è ulteriormente cresciuta a seguito del primo meeting di Agora99 a Madrid. La lista convoca periodicamente riunioni Mumble sul server tomalaplaza.net.
Il lavoro del nodo ospitante di Roma si coordinerà attraverso la mailing list locale roma99agora@europa99.cc (in italiano). Riunioni aperte in preparazione della prossima Agora99 a livello cittadino saranno notificate sulle lista locale.

Come partecipare?
Agora99 non è un evento o convegno preconfezionato. Non è neanche inteso come un “classico” incontro di networking. È un processo aperto che funziona solo attraverso la partecipazione e collaborazione attiva.

Il programma dell’incontro sarà definito in base alle proposte di workshop avanzate dai gruppi partecipanti. Tutte le informazioni utili ai fini della presentazione di proposte per la prossima Agora99 saranno pubblicate a breve sul sito 99agora.net. Nel frattempo, vi invitiamo a esplorare i materiali già disponibili sul sito e familiarizzare con i contenuti e le metodologie fin qui sviluppati.

AGORA99 /// INCONTRO EUROMEDITERRANEO SU DEBITO, DIRITTI E DEMOCRAZIA
ROMA, 1–3 NOVEMBRE 2013*

*Sarà possibile pernottare gratuitamente dal 31 ottobre al 3 novembre compresi. Seguiranno ulteriori informazioni.

 

https://i1.wp.com/99agora.net/wp-content/uploads/2012/07/banner1.png

 

 

DAL CEMENTO AL BIT

<Roma Digitale: gli innovatori capitolini si incontrano>
Un incontro aperto a persone, associazioni, collettivi e network di Roma, interessati ai temi del digitale e dell’innovazione, per condividere azioni, idee e proposte, promuovendo il cambiamento del modello di sviluppo della nostra città e per l’istituzione di un’agenda digitale bottom-up.
Promotori:
Associazione Net Left > http://www.netleft.eu/
#Roma Pirata > http://roma.partito-pirata.it/
(Associazione Partito Pirata per le Libertà Digitali)

Giovedì 17 ottobre 2013 /// H 18:00
via Assisi 117, Roma
c/o VISIVA, la città dell’immagine
[http://www.visiva.info/]

Banner:
[https://www.dropbox.com/s/ptndyiikbd2jt8l/cemento-bit-banner-osm.png]

Mappa:
[http://osm.org/go/xcXpgJ~Ea–?m&way=204233171]

Metro A Ponte Lungo
Bus 16 fermata Nocera Umbra – Narni

SOS Officina PC @Sc.u.P.! Eco.Sol.Pop. 6 ottobre

locandina_rev

Lab Informatico per assistenza PC, riuso vecchi pc/trashware, alfabetizzazione amorevole all’uso del FREESOFTWARE.

faremo, se richiesto, istallazioni GNU/linux (distribuzione user-friendly UBUNTU): portati il notebook con Wincoz infestato di piattole, possiamo CURARLO 😀 ma ancora meglio possiamo donarti un sistema operativo LIBERO e SICURO

FREESOFTWARE means LOVE :^)

siamo a Sc.u.P.! il 6 ottobre e partecipiamo con molto entusiasmo all’ Eco.Sol.Pop.

accanto a noi troverai La Golena, nuova casa editrice indipendente e controcorrente che ha rilevato la piu’ famosa Malatempora.

lavoro fantastico di Maya Checchi, che ci presentera’ alle 16.00 il libro “Hackers”, di cui e’ autrice.

l’Evento:

Finalmente EcoSolPop Il mercatoNONmercato
ECOlogico, SOLidale e Popolare torna!

Domenica 6 ottobre dalle 10 alle 21 EcoSolPop torna per la sua seconda stagione, ancora più ricco con laboratori per bambini di tutte le età, laboratori di autoproduzioni per adulti e non, Artigianato del Riciclo, aperitivo musicale, biosteria, birra artigianale, prodotti agricoli di qualità, detersivi bio, area baratto, presentazione di libri, musica, ciclofficina, pc corner per installare linux o fare una riparazione, musica, dibattiti e altro ancora!!!

Programma Domenica 6 ottobre EcoSolPop-Il mercatoNONmercato:
h 10.00 – Apertura giornata
h 10.00 –  alle 18.00 Sos Officina Pc ( ripara il tuo computer e disinfettalo dalle piattole dei supervirus )
h 10.00 –  Sportello Info Gruppi d0acquisto solidali (info a tutto Gas) a cura Lab.Urb Reset
h 10.15 – Torneo di Tamburello adulti e bambini Società sportiva di Fontenuova
h 10.30 –  Avvio attività per Bambini ( vedi programma dettagliato)
h 10.30 – Laboratorio pasta” Orecchiette bio “mon amour” A cura degli Scuppiatti (sala Balena)
h 10.30 – GiraCheTiRigira Ba-raTa ( E=Mc2 nulla si butto si baratta)
h 11.00 – Dibattito: Riconversione spazi urbani e territori per uscire dalla crisi con un nuovo modello
Il laboratorio Urbano Reset e Scup ne parleranno con:

Susi Fantino, presidente Municipio VII

Enzo Scandurra, urbanista Luciano Ummarino Casetta Rossa

Carlo De Angelis ( presidente CNCA Lazio)

Alessandro Albanesi, presidente mercato via Magna Grecia

Paolo Perrini( comitato di gestione del PachaMama)
h 11.00 – Ciclofficina il Gazometro
h 12.30 –  Bio Oteria degli Scuppiatti (menu bio a filera dietro l’angolo altro che corta )
h 16.30 –  Presentazione del libro “Hackers” editrice la Golena ex MalaTempora di Maya Checci
h 18.00 –  Piazzetta Stile Sound System ( BioAperitivo musicale) Selzione musica anni sessanta Ska Reagge

PER I BAMBINI DI TUTTO DI PIU’
h 10.30: il giardino di scup: curiamo il nostro orto (per tutte le eta’)
h 11.30: il cordone musicale (0-3 anni)
h 16.00: giochi scientifici (5-7 anni)
h 17.00: leggimi in altra storia, letture animate (3 anni in su)
INOLTRE:
– giochi da cortile allestiti e disponibili per tutta la giornata.
– Scopri il nostro nuovo spazio per bambini, più grande e pensato anche per i più grandi. Un luogo dove puoi trascorrere un po’ di tempo con i tuoi figli un un ambiente tranquillo e stimolante.
-angolo Allattamento, cambio pannolino e consultazione libri sulla maternità naturale e l’accudimento ad alto contatto.

presso S.Cu.P.! Sport e Cultura Popolare
via Nola 5 (San Giovanni)

Promuovono Laboratorio Urbano Reset , S.Cu.P e Lucha y Siesta

Produci Artigianato di riuso e riciclo, prodotti agricoli a km zero che cresci senza agenti chimici e con amore, hai dei laboratori da proporci o delle idee da suggerirci, vuoi suonare danzare recitare per noi?
Scrivici a:
ecosolpop@gmail.com, oppure visita la sezione “Partecipa” di http://ecosolpop.wordpress.com/

vi aspettiamo! 🙂

bofhinside

Esperimenti vari

Eclecticism Now!

Quando tematiche non correlate fra loro potrebbero....

Prismi - Pensieri filosofici

Il sito di chi vuole pensare

Yanis Varoufakis

THOUGHTS FOR THE POST-2008 WORLD

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

TechCrunch

Startup and Technology News

R H I Z O M A T I C A

Mobile Communications for All

The Cryptosphere

Short and sweet cyber and crypto news for the whole family!

Barbara Collevecchio

Psicoanalisi & politica

#DigiTsipras

Progetto digitale a supporto della Lista "L'Altra Europa con Tsipras"

Stop TTIP Italia

Fermiamo il trattato di liberalizzazione UE-USA

hidden66

"Pensieri disordinati di un uomo mediamente comune..."

Partito Pirata Italiano Ferrara

Non votate per noi, Votate per voi: Non votate un leader, un gerarca, un presidente, un segretario, un onorevole, un deputato. Votate voi stessi.

Count inform action

DON'T HATE THE MEDIA. BECOME YOUR MEDIA

WordPress.com VIP: Enterprise content management platform

Our fully managed cloud platform, expert guidance and support, and diverse partner ecosystem free you to focus on your business objectives.

TIME

Current & Breaking News | National & World Updates

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: