Archivio | #romapirata RSS for this section

articolo sul Manifesto di Arturo Di Corinto per #NOV5TH

English: Demonstrator with a Guy Fawkes mask i...

Anonymous, giù la maschera Oggi la marcia degli hacktivisti

*Million Mask March: Anonymous scende in piazza*

*Gli hacktivisti: Tolleranza zero verso i governi corrotti*

Arturo Di Corinto

*per il Manifesto*

2012-06-30 12.31.07

Uniti contro la società del controllo globale. Gli Anonymous chiamano alla sollevazione, e martedì 5 novembre, in onore di Guy Fawkes, daranno fuoco alle polveri della protesta precipitandosi nelle piazze di oltre 400 città, dal Texas a Città del Capo.

È la Million Mask March, che vuole portare ovunque la sua “Dichiarazione di libertà”, contro l’oppressione di tutti i governi. Vestiti con la maschera di Guy Fawkes, il rivoluzionario del XVII secolo che voleva far saltare con 36 barili di polvere pirica il Parlamento britannico, si ritroveranno a migliaia a invocare trasparenza e giustizia in una marcia pacifica il cui epicentro sarà il Monumento a George Washington, nell’omonima capitale federale americana.

L’evento, seppure richiami alla memoria altre marce come questa, non ha precedenti:

per la prima volta il movimento globale che veste i panni del rivoluzionario inglese usa come megafono Facebook ed è la prima volta che si organizza a livello mondiale per rivendicare istanze politiche e sociali. Era successo su una scala minore solo in occasione delle proteste contro l’Acta, l’accordo anti-contraffazione.

Nel passato gli anonymous avevano operato sempre attraverso specifiche campagne, contro Scientology, contro i padroni del copyright – la Riaa e la Mpaa-, per vendicare il blocco dei conti di Wikileaks, per ridicolizzare la H.B. Gary, contractor della difesa americana, o la Vitrociset, che si occupava di gestire i dati delle polizie italiane.

Stavolta no, la chiamata è globale, di fronte allo scandalo del Datagate denunciato da Edward Snowden, mentre la crisi morde, la disoccupazione avanza e le guerre continuano.

È presto per dire che il movimento globale contro la corruzione e la guerra, contro le banche d’affari e il mercatismo si stia globalizzando sotto la bandiera di Anonymous, ma è un fatto che a chiamare tutti a raccolta dal sito della marcia siano occupiers, whistleblowers e hacktivisti.

E sigle come Wikileaks, il Partito pirata e Occupy Wall Street.

Nel passato le incursioni degli Anonymous avevano usato strumenti tipicamente hacktivisti, cioè da attivisti che usano le tecniche dell’hacking per vendicare un torto o denunciare uno scandalo.

Prima di eseguire e rivendicare le azioni gli anonymi si sono sempre coordinati in chat room segrete per definire obiettivi ed entità degli attacchi che potevano sfociare in un DdoS (distributed denial of service), l’interrruzione temporanea di un servizio Internet sovraccaricandolo di richieste, concludersi con il defacciamento del sito di Miss Padania, o con la pubblicazione sul web di nome e cognome di pedofili o neonazisti.

Così, dopo gli scherzi goliardici su 4chan, dopo gli interventi di “vigilantismo” che erano andati a pescare cyberbulli e pedopornografi nel deep web, la socializzazione delle tattiche e delle tecniche degli Anonymous aveva innescato la dinamica dell’emulazione ingrossandone le fila e moltiplicando gli interventi: azioni sempre più difficili ed eclatanti, ai danni del Vaticano, del parlamento ungherese, di Equitalia.

Fallito il tentativo dell’intelligence nostrana di presentare quattro anonymi arrestati come pirati informatici dediti al ricatto, anche le crew italiane sono diventate più forti e politicamente consapevoli, un fatto che nelle molte interpretazioni libresche e giornalistiche è stato colto solo dal libro Anonymous.

Noi siamo legione, della giornalista italiana Antonella Beccaria (Aliberti 2012).

Adesso l’obiettivo è uscire allo scoperto e portare quanta più gente possibile in piazza e di farlo attraverso Facebook, uno degli strumenti meno amati dagli hacker, proprio per il suo carattere di aggregatore a privacy zero di dati personali, paradigma di quella sorveglianza globale cui ogni giorno ci consegnamo volontariamente e spesso consapevolmente.

Non sapppiamo se sia l’inizio di un movimento destinato a durare, capace di collegare soggettività e moltitudini, ma il messaggio di Anonymous sembra chiaro:

non esiste soluzione singolare ai problemi collettivi e il 99% del pianeta, motivato e con gli strumenti giusti, cioè Internet, è oggi nella condizione di sviluppare una nuova cultura e una nuova società, fondata sulla solidarietà, la pace e la trasparenza.

E proprio per questo la difesa della rete e della libertà di comunicazione è al centro del messaggio della marcia che vuole dire basta alla repressione digitale, alle armate del copyright e agli spioni governativi.La Million Mask March segue la logica zapatista: coprirsi il volto per non farsi vedere, mostrarsi per nascondersi, unirsi per cambiare. Ne vedremo delle belle.

 

Million Mask March World Event

Freedom contro censura!

 

IL 5 NOVEMBRE DIFENDIAMO LA LIBERTÀ!

Martedì 5 novembre a partire dalle 18:00 S.Cu.P.! Via Nola 5, Roma (zona San Giovanni)

La libertà è in pericolo.

Il 5 novembre è la giornata di mobilitazione mondiale ( http://millionmaskmarch.org/ ) contro gli attacchi alla libertà delle rete.

In Italia questo significa lotta contro l’Agcom, che da strumento di regolamentazione sta trasformandosi in legislatore, varando leggi liberticide.

Ma la stretta alla rete arriva anche e soprattutto da chi pensa di riproporre anche in rete i brevetti sulle idee, sulla cultura, sui saperi.

La “stretta” in Italia ha la firma dell’Agcom, ma anche quella della SIAE, della Fmi, delle major.

NO CENSURA! NO COPYRIGHT!

Una giornata dedicata anche a Jeremy Hammond, membro di Lulzsec, che il prossimo 15 novembre conoscerà la sua condanna per l’accusa di essersi infiltrato nel sistema della Stratfor con seguente fornitura di materiale a WikiLeaks per denunciare l’uso spregiudicato degli infiltrati.

FREE HAMMOND! ( http://freehammond.bandcamp.com/ )

A partire dalle 18:00

# Food & Drink

# FreeSharing – Condivisione libera

# FreeMusic – DjSet THIS ORDER ( https://www.facebook.com/thisord3r )

# FreeTalking – OpenMic per brevi speech su: [sicurezza] [anonimato] [cyber resistance] [diritti digitali]

Evento Facebook:  https://www.facebook.com/events/1432693243620482

NB > La giornata del 5 comincia dalla mattina “Sogni contro imbrogli! il 5 novembre difendiamo S.Cu.P.!

( https://www.facebook.com/events/169400379934418 )” FREE S.CU.P.!

DAL CEMENTO AL BIT

<Roma Digitale: gli innovatori capitolini si incontrano>
Un incontro aperto a persone, associazioni, collettivi e network di Roma, interessati ai temi del digitale e dell’innovazione, per condividere azioni, idee e proposte, promuovendo il cambiamento del modello di sviluppo della nostra città e per l’istituzione di un’agenda digitale bottom-up.
Promotori:
Associazione Net Left > http://www.netleft.eu/
#Roma Pirata > http://roma.partito-pirata.it/
(Associazione Partito Pirata per le Libertà Digitali)

Giovedì 17 ottobre 2013 /// H 18:00
via Assisi 117, Roma
c/o VISIVA, la città dell’immagine
[http://www.visiva.info/]

Banner:
[https://www.dropbox.com/s/ptndyiikbd2jt8l/cemento-bit-banner-osm.png]

Mappa:
[http://osm.org/go/xcXpgJ~Ea–?m&way=204233171]

Metro A Ponte Lungo
Bus 16 fermata Nocera Umbra – Narni

Morti di Lampedusa: il Partito Pirata dice basta

comunicato di adesione alla mobilitazione del 7 ottobre.

 

Il Partito Pirata aderisce alla mobilitazione e al sit-in previsto lunedì 7 ottobre all’Esquilino a Roma.

La strage di Lampedusa è l’ennesima riprova del disastro causato dalla Legge Fini-Bossi e dell’inadeguatezza dell’attuale classe politica, con un Paese che spesso viene considerato dai migranti l’ingresso verso l’Europa e che invece si trasforma nella loro prigione se non nella loro tomba. Paese che invece ha l’esigenza di attuare una politica con una prospettiva europea che tenga conto delle evidenti trasformazioni della società civile.

L’Italia è e sarà sempre di più un Paese multietnico, al centro del mediterraneo, la porta dell’Europa! Come è possibile pensare di non essere un crocevia per le popolazioni in movimento, da qualunque parte del mondo esse provengano?

Secondo il manifesto del PP-EU recentemente siglato a Bruxelles, “la dignità umana è inviolabile. I diritti di libera associazione, libertà di movimento e libera assemblea pubblica, la libertà di opinione, di espressione e il libero accesso all’informazione sono essenziali. Dato che tutti apparteniamo ad una minoranza, è essenziale che la società rispetti i diritti delle minoranze .

Come aderenti al Partito Pirata siamo convinti che i Governi che hanno prodotto queste leggi non abbiano tenuto conto che i migranti sono il prodotto dei terribili conflitti che stanno affliggendo intere aree del mondo, dal medioriente al continente africano, alimentate dalle nostre armi e dalla nostra completa inettitudine nelle relazioni internazionali per garantire la pace in questi territori.

Occorre un’immediata inversione di tendenza perché non è più possibile governare con logiche di ordine pubblico, ma è necessario affrontare l’emergenza creata dagli sbarchi assassini con l’apertura di un corridoio umanitario per accogliere i profughi, garantire loro il diritto di asilo europeo e la dignità di esseri umani.

Non ne possiamo più di avere queste morti sulla coscienza, perché se non cambieranno le attuali leggi sull’immigrazione, la colpa sarà solo nostra.

Come Partito Pirata Italiano ci associamo alle realtà del movimento antirazzista, associazioni, organizzazioni umanitarie, sindacati, partiti, centri sociali e singoli attivisti che si mobiliteranno per promuovere un sit-in di protesta e di confronto che si terrà in Piazza Esquilino a Roma alle ore 17:00 il prossimo lunedi 7 ottobre 2013, luogo simbolo delle lotte per i diritti dei migranti.

Anniversario del massacro di Tlatelolco

FREE BRADLEY MANNING, PIRATI ALL’AMBASCIATA USA A ROMA – ORA

English: The logo used by Wikileaks

English: The logo used by Wikileaks (Photo credit: Wikipedia)

foto-1

Bradley Manning LIBERO SUBITO.

foto-3

foto-4

ROMAPIRATA

L’accesso alla conoscenza e alla Rete è patrimonio dell’Umanità.

Con la democrazia partecipata possiamo amministrare ciò che finora era pubblico, ma non bene comune:

luoghi, infrastrutture, beni essenziali ma anche sapere e tecnologia in generale.

Vogliamo una riforma radicale alla legge sul copyright, che dia credito agli autori, ma che che ponga l’accento al prodotto “digitale” e alla “cultura”, a cui si deve assicurare libero e ampio accesso.

@Me_dici Roma? te dico #pirata

ME_DICI COME SE VOTA? DOPPIA PREFERENZA DI GENERE

testo con chiarimenti sulle modalità di voto, sulla doppia preferenza di genere e al voto disgiunto.

——————————

– Amministrative 26-27 Maggio 2013 – Come funziona il voto disgiunto e cos’è la doppia preferenza di genere?

——————————-

VOTO DISGIUNTO: da wikipedia:

“Il cosiddetto voto disgiunto è un’opzione prevista da varie leggi elettorali;

in Italia è ammesso sia per le elezioni regionali, sia per le elezioni comunali nei Comuni superiori ai 15.000 abitanti.

In base a tali leggi, ogni lista elettorale presenta un proprio candidato alla presidenza della Regione (più liste possono condividere lo stesso candidato) o alla carica di sindaco.

L’elettore può esprimere due voti sulla stessa scheda: uno per una lista (al quale può aggiungere un voto di preferenza), uno per un candidato presidente o sindaco.

Per fare un esempio pratico.

Potete barrare il simbolo del vostro partito e barrare “Sandro Medici” o viceversa barrare il simbolo di “#RomaPirata” e votare il vostro candidato sindaco preferito.

DOPPIA PREFERENZA DI GENERE

Tale norma fà parte della legge 215/2012, ed è volta a riequilibrare la rappresentanza di genere nei Consigli comunali.

Una novità molto importante, che modifica la modalità di voto e che, se non spiegata a sufficienza, potrebbe generare errori tra l’elettorato.

Ad oggi non sembra che tale campagna informativa sia stata fatta, ed in realtà cosa significhi doppia preferenza di genere rimane tema per gli addetti ai lavori.

In realtà, trattandosi di una possibilità importante verso una rappresentanza paritaria, è necessario fare chiarezza e informazione!

Fonti ufficiali: http://leg16.camera.it/465?area=1&tema=716&Elezioni+amministrative

Alle elezioni amministrative del 26-27 maggio elettrici ed elettori avranno, per la PRIMA VOLTA, la possibilità di esprimere la doppia preferenza di genere, cioè apporre due cognomi di candidati DELLA STESSA LISTA, di un uomo e di una donna (nei comuni che hanno più di 15.000 abitanti).

ATTENZIONE!

non della stessa coalizione (cioè, per intenderci, dello stesso sindaco) ma della stessa LISTA!

1) Si può votare UN SOLO SINDACO

2) Si deve scegliere UNA SOLA LISTA della coalizione che supporta quel sindaco

3) Si possono scrivere 2 nomi di consiglieri della STESSA LISTA, purché siano un UOMO e una DONNA

FAQ

1) Cosa succede se scrivo 2 nomi di consiglieri uomini? Oppure

2 consiglieri donne? -Viene conteggiato solo il primo dei 2 nomi.

2) Cosa succede se scrivo il nome di un consigliere uomo della lista PD e una donna della lista SEL che supportano entrambi lo stesso candidato sindaco? – Sono considerati nulli entrambi i nomi dei consiglieri, ma viene conteggiato il voto per il sindaco.

3) Cosa succede se scrivo i nomi di due consiglieri di due liste diverse? –

La scheda è NULLA.

SHARING IS CARING.

Scegli #RomaPirata con “Sandro Medici” sindaco e scrivi “……………”

per i nomi , ti rimando alla pagina ufficiale dove c’è una breve descrizione dei/le candidat* :

http://www.piratpartiet.it/mediawiki/index.php?title=Lista_Romapirata#Candidati_Pirata

 

 

 

KEEP KALM AND VOTE ROMAPIRATA

dove: CABINA ELETTORALE

liberamente i(n)spirato da Dario Malvilla

Allora, innanzitutto una questione fondamentale: il 26 e il 27 maggio succede un evento importante a Roma … si vota.

Lo sappiamo che c’è il derby il 26, hanno provato a spostare le elezioni ma non ci sono riusciti.
Hanno provato anche a vedere se si poteva spostare il derby … ma
hanno preferito riprovare a spostare le elezioni…. era indubbiamente meno
importante per alcuni romani.

Alla fine si sono arresi e hanno pensato che era meglio lasciare tutto
cosi’ come stava …
L’affluenza del lunedì sarà probabilmente minima … a causa dei
suicidi di massa di una o dell’altra sponda… quindi trovate poca
fila e potete andare a votare anche prima di andare al lavoro !

Insomma, si vota il 26 e 27 maggio. Ok ?

vi domanderete: Te che c’entri?
Io c’entro. Che non è uno slogan di Casini, ma si riferisce al fatto che mi candido.

MeDici dove te candidi? TeDico al Comune !
Non come sindaco … ma come consigliere.

Quindi per andare dritti e non girarci intorno per il raccordo….
mi candido al consiglio comunale (o assemblea capitolina), che
riguarda tutta Roma e viene votata da tutte le cittadine e i cittadini
della città, con una scheda AZZURRA.

Altra domanda che vi starete ponendo: MeDici con chi te candidi?
TeDico con la lista civica #RomaPirata .
Ah i pirati tedeschi !?!?
Si bravi … o meglio … semo de sta Roma bella, semo regazze fatte cor pennello … ma siamo mezzi parenti.
Non nel senso che siamo tutti figli di Frau Blücher – (Frankestein Jr),
ma nel senso che siamo tutti parte dello stesso MOVIMENTO.

Non ci sono solo i tedeschi nel mondo …
Ci sono gli svedesi che sono i piu’ vecchi nati in difesa di ThePirateBay .
http://it.wikipedia.org/wiki/The_Pirate_Bay

e sono pure arrivati in parlamento
http://it.wikipedia.org/wiki/Partito_Pirata_%28Svezia%29#Elezioni_europee_del_2009

Ci sono gli islandesi che hanno appena vinto le elezioni e sono stati eletti nel parlamento islandese.
Sono 3 …cioè sono 3 parlamentari non 3 in tutto … una di queste 3 ha partecipato a Wikileaks con Assange…
http://en.wikipedia.org/wiki/Birgitta_Jónsdóttir

Poi ci sono i francesi, i catalani, i croati, i russi …che hanno problemi con la censura del governo … toh strano !

La finisco qua’ perche’ siamo presenti IN 68 PAESI DEL MONDO … 😉

Temi di punta in cui siamo ferrati ?
Internet, Tecnologie, Diritti civili , Cultura , DemocraziaE-DEMOCRACY  #LQFB

Dite che non c’e’ bisogno di internet ?
In Europa siamo uno dei paesi meno internettizzati (come direbbe Maroni) e
una parte consistente del gap della nostra economia e della nostra cultura dipende anche da quello…

In Italia è la prima volta che ci presentiamo in una elezione democratica e ci presentiamo insieme ad una coalizione di Sinistra radicale .

perche’?

perche’ assistere all’ascesa nolimits di un M5S come UNICA ALTERNATIVA a questo DISASTRO ANNUNCIATO non ci piace.

leggere questa demenza repressiva similfascistoide e schizofrenica e’ inaccettabile, per noi pirati:

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2013/05/guerriglia-urbana-a-milano-esponente-di-sel-tra-i-delinquenti.html

Movimento 5 Stelle
Un movimento sexy
un passetto a sinistra
un passetto a destra
un passetto al centro
un passetto dalle guardie
Legalità Legalità Legalità!

Sgombero lo spazio occupato
Sostengo lo spazio occupato
Vojo votà la Gabanelli
Vojo ammazzà la Gabanelli
Ognuno vale Uno
Decide tutto Uno
Ognuno vale Uno
Decide tutto Uno!

Comunicato pei No Tav
Solidarietà a Castelli
Al Quirinale Rodotà
Ma sò amico de Casa Pà

Legalità Legalità Legalità!

///

CHOICE:
Sosteniamo Sandro Medici come sindaco.

  se volete votarmi mettete (sulla scheda AZZURRA) una croce sul simbolo pirata  scrivete lilo

😛

non chiedetemi perche’, come tanti di voi sarei felice di farmi i cavoli miei sapendo che qualcuno pensa a gestire questo delirio di puttanieri ladri finti e corrotti: sono degl incapaci,  SCIO’.

per noi e’ ora di metterci in gioco e di mettere i propri skills a disposizione di chi non ha voce, come sempre, ultima ruota del carro:

TUTTI DEVONO POTER PARTECIPARE E  FAR SENTIRE LA PROPRIA OPINIONE SENZA CLIMI REPRESSIVI,  E POTER PARTECIPARE ALLA GESTIONE DELLA RES PUBLICA.

crediamo nel filesharing UMANO dei SAPERI: USATECI
——–
La scheda ROSA è invece per l’elezione del presidente di municipio .
Vi invito a votare il candidato che conoscete .
Se non ne conoscete nessuno vi invito a conoscere i candidati di Repubblica Romana.
http://www.repubblicaromana.org/

Stiamo facendo una campagna elettorale con pochissime risorse e con il massimo della trasparenza.

http://roma.repubblica.it/cronaca/2013/05/10/news/spese_elettorali_alemanno_il_pi_ricco-58455554/

Vota con doppia preferenza di genere: Alessandra Minoni (Lilo) + Felice Zingarelli (FelynX)

SANDRO SUBITO! Artisti in mobilitazione per Sandro Medici sindaco di Roma_23 maggio

 

Per la Repubblica Romana
#SANDROSUBITO

Artisti in mobilitazione per Sandro Medici sindaco

GIOVEDì 23 MAGGIO
dalle ore 18
PARCO DI SAN SEBASTIANO
(via delle Terme di Caracalla 55)
* in caso di pioggia tutt* all’Angelo Mai

Hanno già aderito:

Elio Germano, Valerio Mastandrea, Rodrigo D’Erasmo e Roberto Dell’Era (Afterhours), Luci della centrale elettrica Assalti Frontali, Tête de Bois, Nathalie, Johnny Palomba, Marina Rei, Sigaro (Banda Bassotti), Andrea “Fish” Pesce, Pino Marino, Riccardo Sinigallia, Marco Conidi, Sandro Joyeux, Roberto Angelini, La Linea di Greta, Rak + Marciano, Valerio Vigliar, Giovanni Truppi, Paolo Romano, Diodato, Collettivo Angelo Mai, The Club Swing Band

…e altri ancora si vanno aggiungendo ogni giorno

Spontaneamente ci convochiamo. Come spontaneamente centinaia di persone stanno contribuendo al sogno di una città libera.

Ci sentiamo parte della cittadinanza attiva, delle associazioni, dei comitati, dei movimenti che animano e rendono vivo il tessuto sociale metropolitano. Portiamo in scena la musica e il teatro, produciamo cultura indipendente, organizziamo giochi in piazza per i bambini e corsi di italiano per gli stranieri. Lottiamo per i diritti di tutte e tutti, per difendere i beni comuni, per liberare gli spazi dalle mafie, dall’abbandono e dalla speculazione. Ci battiamo contro l’imbarbarimento sociale e la solitudine di una città impoverita e maltrattata.

Come artisti e artiste, come cittadini e cittadine abbiamo deciso di dare il nostro contributo a un progetto politico prima ancora che elettorale. Un progetto che guarda ben oltre il 27 maggio e che si chiama Repubblica Romana. Un progetto che nella prima tappa verso il Campidoglio sostiene Sandro Medici sindaco di Roma.

Da 12 anni Sandro guida il X Municipio di Roma e lì ha promosso iniziative concrete e innovative per garantire l’accesso ai servizi sociali indispensabili; ha sostenuto il lavoro, il commercio e la piccola impresa; ha difeso il territorio dalla speculazione edilizia; ha favorito le iniziative culturali; ha requisito centinaia di case sfitte da lungo tempo e in mano a grandi proprietà per consegnarle alle famiglie sfrattate; ha istituito il testamento biologico e il registro delle unioni civili; ha consegnato a decine di migranti una carta di pre-cittadinanza; ha sostenuto e difeso la cultura indipendente.

Per portare tutto questo nel centro e nelle periferie di Roma, per renderla una città più bella, laica, giusta e solidale, abbiamo deciso di mobilitarci. Nonostante ci siano pochi fondi e si faccia di tutto per farci passare sotto traccia, noi ci crediamo.

Giovedì 23 maggio ci riappropriamo di un parco abbandonato, quello di San Sebastiano, per farlo rivivere e restituirlo alla cittadinanza con un grande concerto-evento per Sandro Medici sindaco e la Repubblica romana.

Riprendiamoci il parco! Riprendiamoci Roma!

 

 

Les filles des 343 salopes

..::CyberRights::..

bofhinside

Esperimenti vari

Eclecticism Now!

Quando tematiche non correlate fra loro potrebbero....

Prismi - Pensieri filosofici

Il sito di chi vuole pensare

Yanis Varoufakis

THOUGHTS FOR THE POST-2008 WORLD

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

TechCrunch

Startup and Technology News

R H I Z O M A T I C A

Mobile Communications for All

The Cryptosphere

Short and sweet cyber and crypto news for the whole family!

Barbara Collevecchio

Psicoanalisi & politica

#DigiTsipras

Progetto digitale a supporto della Lista "L'Altra Europa con Tsipras"

Stop TTIP Italia

Fermiamo il trattato di liberalizzazione UE-USA

hidden66

"Pensieri disordinati di un uomo mediamente comune..."

Partito Pirata Italiano Ferrara

Non votate per noi, Votate per voi: Non votate un leader, un gerarca, un presidente, un segretario, un onorevole, un deputato. Votate voi stessi.

Count inform action

DON'T HATE THE MEDIA. BECOME YOUR MEDIA

WordPress.com VIP: Enterprise content management platform

Our fully managed cloud platform, expert guidance and support, and diverse partner ecosystem free you to focus on your business objectives.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: